Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

Iscriviti alla Newsletter

Aleteia

“E fu così che l’orso siberiano morì di polmonite” (VIDEO)

Condividi

Un bellissimo episodio che ci aiuta a recuperare uno sguardo di vero amore sui figli, senza asfissiarli

Con questo gustoso episodio, raccontato col suo stile tipico, Franco Nembrini, docente, dirigente scolastico, educatore e scrittore, ci rende presente  in modo vivido due cose: l’una rassicurante, l’altra critica, entrambe decisive.

La prima: i bambini sono dotati naturalmente di uno spiccato senso della realtà; posseggono un radar infallibile per le menzogne e una capacità di giudizio autentica. Sì perché ogni bambino è fatto bene, è fatto “da Dio”, come noi.

E questi bambini sono capaci di meraviglia! Perché è proprio questo il sentimento che suscita in tutti e 250 i bambini della scuola la vista di una enorme pelle d’orso siberiano. Sì, la loro scuola bergamasca, gemellata con un istituto siberiano, ha ricevuto dagli amici di quelle terre gelide e magnifiche proprio un intero orso (la pelle la testa imbalsamata,  si affretta a rassicurare il prof. Nembrini) lungo più di due metri.

La seconda cosa che emerge è un atteggiamento genitoriale, materno nella fattispecie, motivato da buone intenzioni ma disastroso!

Abbiamo tradotto l’istinto materno nel dogma che ci impone di evitare loro qualsiasi urto, qualsiasi riferimento alla morte, il tutto mescolato con un altro precetto dell’era contemporanea: la versione distorta dell’amore e della cura del mondo animale.

Ora vi lasciamo alla visione e alle vostre considerazioni!

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni