Aleteia logoAleteia logoAleteia
venerdì 28 Gennaio |
San Tommaso d'Aquino
Aleteia logo
Chiesa
separateurCreated with Sketch.

Il più commovente caso di liberazione: quando a cacciare il diavolo fu una comunità orante

FRA BENIGNO ESORCISTA

©Chiara Ippolito/Aleteia

Chiara Ippolito - pubblicato il 25/02/18

“Erano evidenti a ciascuno tutte le sofferenze sue e della sua famiglia – dice fra Benigno -, ma le gente era formata: sapeva, comprendeva e la guardava con misericordia”. La risposta della comunità fu così decisa e così forte che il diavolo non poté resistere. “Il Venerdì Santo, mentre eravamo in preghiera, Maria era in disparte, ancora una volta in preda al demonio. Poi, ad un certo punto della liturgia di adorazione della Croce, dalla stanza in cui si trovava, la sentimmo: per la prima volta dopo cinque anni, ad alta voce lodava il Signore. Capii. Tutti capimmo! La raggiunsi, le chiesi di venire ad adorare la Croce e la accompagnai lungo tutta la navata. La percorremmo insieme davanti agli occhi stupiti della gente presente. Arrivata davanti alla Croce la invitai a baciarla, come prevedeva la liturgia di quel giorno. Lei si chinò, l’abbracciò e subito scoppiò in lacrime e con lei tutta l’assemblea”. Ancora una volta, quel giorno, ripercosse il tragitto per incontrare Cristo.
“Prese l’Eucaristia – dice fra Benigno – e, in serenità, tornò al suo posto. Fu un miracolo registrato pubblicamente, un momento comunitario straordinario perché la liberazione avvenne grazie al contributo di tutti, lì, davanti all’intera comunità. Era libera e da allora mai più il demonio tornò in lei”. Non dunque una liberazione nel momento della pronuncia dei riti di esorcismo, ma nel contesto, durante la preghiera di tutti i fedeli, durante la celebrazione in chiesa. “Contro un nemico forte come il diavolo sono tre le armi che Gesù stesso ci indica: la fede, la preghiera e il digiuno. E così la comunità accompagnava lei e anche me. Così deve essere, sempre e dappertutto, per ogni fratello sofferente e per ogni esorcista. Quanto amore ci hanno messo! Quanta gente si è fermata ad abbracciarla il giorno della liberazione! Quante lacrime negli occhi di tutti! Un nostro parrocchiano le confidò di aver digiunato per lei il Venerdì Santo nonostante il suo diabete. E anche una bambina di sette anni, presente il giorno prima, quando fu chiesto di digiunare, volle aderire. ‘Maria soffre molto – disse alla mamma che voleva dissuaderla – e voglio aiutarla anche io’.
Ogni suo disturbo e tutto il suo odio era cessato e, con marito e figli, Maria tornò a Sant’Isidoro la notte di Pasqua, sedendo in prima fila. A chi non crede nell’esistenza del diavolo chiedo: si può pensare ad una patologia psichiatrica, ma come ha fatto a guarire senza farmaci e senza terapia? Se fosse stata una malattia, non sarebbe guarita senza cura. La  malattia era il demonio e la medicina è stata quel ministero che Gesù ha affidato alla Chiesa e che si chiama esorcismo”. Maria, come altri liberati, è stata poi seguita da fra Benigno con una terapia comunitaria di sostegno. Portando la sua testimonianza pubblicamente, lei stessa ha detto: “Devo ringraziare quanti frequentano San’Isidoro perché mai mi sono sentita disprezzata, ma sempre accettata, accolta, addirittura amata. La notte della veglia pasquale ho celebrato la Risurrezione del Signore che è stata anche la mia pasqua di liberazione”.
  • 1
  • 2
Tags:
diavoloesorcismopreghiera
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni