Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
domenica 11 Aprile |
Sabato dell'Ottava di Pasqua
home iconChiesa
line break icon

Quel bacio di Asia Bibi per Papa Francesco

ASIA BIBI

P.RAZZO I CIRIC

Manifestation pour la libération d'Asia Bibi, chrétienne pakistanaise emprisonnée depuis le 14 juin 2009 et condamnée à mort pour blasphème, le 29 octobre 2014 au Trocadéro, à Paris.

Gelsomino Del Guercio - Aleteia Italia - pubblicato il 24/02/18

La figlia della donna cristiana pachistana condannata a morte per blasfermia ha consegnato un simbolico "dono" da parte di sua madre

«Voglio pregare insieme al Santo Padre per la liberazione di mia madre e, se possibile, voglio dargli un bacio da parte sua e delle mie sorelle». Sono le parole di Eisham Ashiq, la figlia più piccola di Asia Bibi, la donna pachistana cristiana da oltre tremila giorni in carcere, condannata a morte per blasfemia.

Eisham, insieme a suo padre Ashiq Masih è in Italia per incontrare in un’udienza privata Papa Francesco e partecipare all’iniziativa del 24 febbraio promossa da Aiuto alla Chiesa che Soffre in memoria delle vittime di persecuzioni religiose.

“Mi sento incompleta senza mia madre”

Dei suoi 18 anni, Eisham ne ha passati con la mamma solo la metà. «Mi sento incompleta senza mia madre – ha detto la ragazza – Ci sono molte cose da donna e da giovane ragazza di cui mi posso confidare solo con lei. Anche se mio padre cerca di essere allo stesso tempo sia padre sia madre. Ma quello che è una mamma per una giovane ragazza può esserlo solo una mamma» (Avvenire, 23 febbraio).

Un “grazie” alla comunità internazionale

Il marito di Asia, Ashiq, ha raccontato l’ultimo incontro con la donna, pochi giorni prima della partenza per l’Italia. Le visite in carcere sono concesse solo una volta al mese per un quarto d’ora. «L’ultima è stata il 17 febbraio – ha detto l’uomo – Mia moglie sa di questo evento e mi ha chiesto di ringraziare la comunità internazionale per la sensibilità e chiede a tutti quanti di pregare per lei».




Leggi anche:
Asia Bibi: “Signore, abbi pietà di me”

L’ultimo atto del processo

Quanto al processo, è stato presentato «appello alla Corte suprema del Pakistan. Speriamo che presto possa esserci un’udienza, anche se c’è un continuo rimando. Se non c’è la volontà di risolvere il caso, i tempi giuridici diventeranno molto lunghi». Si tratta del terzo e definitivo grado di giudizio dopo la condanna in tribunale confermata in appello. La speranza dei legali è che l’udienza possa essere fissata prima di Pasqua (In Terris, 23 febbraio).




Leggi anche:
La preghiera scritta da Asia Bibi, condannata a morte per blasfemia, vi farà venire i brividi

Il perdono di Rebecca

Non solo la famiglia di Asia Bibi. Papa Francesco riceverà anche Rebecca Bitrus, cristiana nigeriana per due anni prigioniera di Boko Haram. «Sono molto contenta di questa opportunità – ha raccontato ai giornalisti che le chiedevano se avrebbe incontrato il pontefice – Gli racconterò la mia storia, le nostre difficoltà ma anche gli sforzi che sta facendo la Chiesa sulla via del dialogo e della pacificazione».

Alla domanda se sia possibile perdonare chi l’ha privata della libertà per due anni e le ha inflitto violenze di ogni genere, solo a causa della fede, Rebecca ha risposto: «Ho perdonato, completamente, dal profondo del cuore».




Leggi anche:
Asia Bibi attende la sentenza con il coraggio della fede

Tags:
asia bibiblasfemiafiglimarito
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
girl stop in the street
Claudio De Castro
“Vieni a trovarmi”, insisteva Gesù dal tabernacolo
2
Gelsomino Del Guercio
Le assurde messe in prigione del cardinale Simoni: pensavano foss...
3
Archbishop Georg Gänswein
i.Media per Aleteia
Mons. Gänswein: si pensava che Benedetto XVI sarebbe vissuto solo...
4
Gelsomino Del Guercio
Le stigmate di Domenica Galeano, la veggente di Briatico, sono ve...
5
christian couple
Orfa Astorga
Coppia e religione: quando la “mescolanza” non è sana
6
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
7
CHIARA AMIRANTE
Gelsomino Del Guercio
Chiara Amirante inedita: la cardiopatia, l’omicidio scampat...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni