Ricevi Aleteia tutti i giorni
Solo le storie che vale la pena leggere: leggi la newsletter di Aleteia
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Papa Francesco: la Chiesa deve aprirsi senza paure e non mummificarsi

POPE-RETREAT-RELIGION
OSSERVATORE ROMANO / AFP
Condividi

A conclusione degli esercizi spirituali ad Ariccia, il Pontefice ha voluto rivolgere il proprio personale grazie a don Josè Tolentino Mendonça, che ha tenuto le meditazioni

La Chiesa è chiamata ad aprirsi “senza paure, senza rigidità”, a essere morbida “nello Spirito” e non mummificata in “strutture” che la chiudono. Papa Francesco ha ringraziato personalmente don Josè Tolentino Mendonça, vicerettore dell’Università Cattolica di Lisbona, che quest’anno ha tenuto ad Ariccia le meditazioni degli esercizi spirituali per il Papa e i collaboratori della Curia Romana. Un accompagnamento che stamani proseguirà nel segno della “Giornata di digiuno e preghiera per il Sud Sudan, il Congo e la Siria”.

Lo Spirito Santo è libero e sempre all’opera

Il Pontefice, soprattutto, ha apprezzato l’intenzione del sacerdote di parlare della Chiesa come un “piccolo gregge”, che, tuttavia, non può essere “rimpicciolito” con “mondanità burocratiche”. La Chiesa, infatti, “non è una gabbia per lo Spirito Santo”, “lo Spirito vola anche fuori e lavora”, nei “non credenti, nei ‘pagani’, nelle persone di altre confessioni religiose”. Lo Spirito Santo “è universale, è lo Spirito di Dio, che è per tutti”.

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni