Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Il monaco che porta Gesù nelle aziende

Public Domain
Condividi

Camaldolese dell’eremo di Monte Giove, propone corsi di spiritual coaching: «Il mio obiettivo non è convertire, ma la gente cerca un senso e io cerco di offrirlo nel luogo dove trascorre gran parte del tempo: al lavoro»

di Rossana Campisi 

Gesù entra in azienda. A volte ci resta, accompagnando qualche manager verso fatturati e promozioni. Altre volte è solo di passaggio: i tempi per le assunzioni non sono dei migliori, certo. Ma la crisi economica questa volta non c’entra nulla. Ce lo assicura Natale Brescianini, padre camaldolese, classe 1971, l’unico monaco d’Italia che fa corsi di formazione aziendale in nome dello spiritual coaching, un originale mix di tradizione cristiana e principi del metodo creato negli anni Novanta.

I “clienti” di padre Brescianini sono società di formazione che lo chiamano per corsi di una giornata intera rivolti a piccoli gruppi di dipendenti o dirigenti o solo per sessioni individuali: entra in aula e ha ben chiaro il programma di base, ovvero un tesoro di sapienza cristiana che spesso nemmeno i cattolici conoscono. «Se ogni uomo è stato creato a immagine e somiglianza di Dio, io devo solo aiutare la gente a tirare fuori questa immagine, ovvero tutto il bello che hanno», dice. «Faccio insomma un po’ come suggeriva Socrate con l’arte della maieutica». Il suo compito, aggiunge, è «dare una dimensione di senso». Creare un link, ovvero tutte le connessioni giuste tra le cose della vita di ognuno.

UNA PASSIONE PER LE AZIENDE
Come padre Brescianini, e con lui Gesù, sia finito in azienda è però un’altra storia. Bellissima. Una di quelle disegnate alla perfezione in Cielo. Maturità classica a Brescia, studi di Teologia al seminario della città, ingresso nella comunità benedettina camaldolese dell’eremo di San Giorgio a Bardolino, licenza con specializzazione in Studi monastici al Pontificio istituto Sant’Anselmo di Roma e un anno a Berkeley, per studiare inglese e teologia in un monastero camaldolese della California.

Al ritorno, lascia il monastero perché vuol mettersi in gioco. Ha la passione per le aziende e contatta un imprenditore che ne ha una a Verona nel settore del controllo satellitare dei mezzi in movimento, gli chiede di lavorare pur non sapendo far nulla. «Mi assume e resto due anni. Prima mi assegna in ufficio e poi mi chiede di aiutarlo a contattare consulenti per la formazione visto che la sua azienda stava diventando una Spa. Nessuno, tranne lui, sapeva che ero un monaco», racconta.

PIEGATI DAL LAVORO
Un giorno va in ufficio anche il sabato, giorno libero. Il lunedì dopo i colleghi lo rimproverano: «Perché lo fai? Un conto è la vita, un conto è il lavoro». «Ho capito che quella gente era spezzata in due, che rischiava di non vivere la propria vita visto che l’80 % la passa in azienda». Mancava armonia, in quelle esistenze: mancava quella che in tre parole san Benedetto ha sintetizzato con ora et lege et labora. Ovvero la spiritualità dona il senso, lo studio dona profondità, il lavoro dona concretezza. È la regola principe che lui porterà nei corsi affiancando un formatore e un coach, incontrati quasi per caso.

Da due anni però anche lui è diventato coach e continua a spostarsi dall’eremo camaldolese di Monte Giove dove vive, tre ettari e mezzo sulla collina più alta di quelle che circondano Fano, per raggiungere ospedali, banche, aziende, per presenziare alle cene aziendali con i manager di Confindustria o per accompagnare giovani musicisti di Mtv.

Pagine: 1 2

Tags:
monaci
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.