Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
sabato 10 Aprile |
Sabato dell'Ottava di Pasqua
home iconStile di vita
line break icon

Come riconosce e guarire le ferite emotive dell’infanzia?

CURAphotography / Shutterstock

Luz Ivonne Ream - pubblicato il 23/02/18

Come gestirle una volta diventati adulti

Le ferite emotive sono esperienze dolorose dell’infanzia che costruiscono la nostra personalità adulta, quello che siamo e come affronteremo la vita con tutto ciò che comporta. Ciò vuol dire che sono un fattore determinante del nostro agire nell’età matura.

Abbiamo tutti qualche tipo di ferita emotiva profonda che ci portiamo dietro dall’infanzia, che ci ha lasciato una traccia e ci incamminerà verso il tipo di adulto che saremo: pauroso, insicuro, punitivo, con tendenze al controllo, ecc. L’ottima notizia è che queste ferite possono anche guarire. Per questo è importante riconoscerle il prima possibile e compiere un lavoro personale profondo per affrontare in modo coraggioso – perché lavorarci fa male, e molto – tutte le conseguenze che queste ferite ci hanno lasciato.

Si parla di 5 – o più – ferite emotive – o dell’anima – dell’infanzia che persistono quando siamo adulti. Sono quelle che Lisa Bourbeau menziona nel suo libro Las cinco heridas que impiden ser uno mismo (Le cinque ferite che impediscono di essere se stessi).

Tommaso79 / Shutterstock

  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Tags:
infanzia
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
girl stop in the street
Claudio De Castro
“Vieni a trovarmi”, insisteva Gesù dal tabernacolo
2
Gelsomino Del Guercio
Le assurde messe in prigione del cardinale Simoni: pensavano foss...
3
POGRZEB Z URNĄ
Toscana Oggi
Conservare le ceneri dei defunti in casa, ecco perché la Chiesa d...
4
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
5
Gelsomino Del Guercio
Le stigmate di Domenica Galeano, la veggente di Briatico, sono ve...
6
christian couple
Orfa Astorga
Coppia e religione: quando la “mescolanza” non è sana
7
Archbishop Georg Gänswein
i.Media per Aleteia
Mons. Gänswein: si pensava che Benedetto XVI sarebbe vissuto solo...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni