Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Chi è il profeta “rock” della Bibbia?

© Renata Sedmakova / Shutterstock
D'origine campagnarde, le prophète Amos (VIIIe siècle avant Jésus-Christ) rappelle au peuple les exigences sociales de la Loi, et défend les droits des plus humbles. (Fresque des prophètes de l'église d'Altlerchenfelder à Vienne, XIXe siècle).
Condividi

Un mandriano che si batte contro falsi e ipocriti. Che eroe Amos!

Amos è il primo profeta di cui sono stati scritti gli oracoli, e dunque storicamente il primo profeta di cui ci è giunto un libro. Fu attivo nel regno di Israele, nel nord del paese, nell’VIII secolo a.C.

Amos era di Tecoa, un villaggio posto a due ore di cammino da Betlemme, sedici chilometri a sud di Gerusalemme (nella mappa qui sotto la localizzazione di Tecoa).

Era un mandriano, non era un profeta di professione, aderente ai circoli profetici. Fu personalmente chiamato da Dio per la sua missione mentre stava pascendo le sue mandrie.

Don Federico Tartaglia ne ricostruisce la storia in “E’ ora di leggere la Bibbia” (Ancora editrice), a cui è collegato anche un canale You Tube. Perché Amos è un profeta unico nel suo genere.

Da Giuda al Nord

Il cuore del libro è la scena che meglio di ogni altra descrive la missione del profeta. Amos è del regno di Giuda, ma il Signore lo invia a profetizzare nel regno del Nord e già questo pregiudica il suo compito, che diventa ancora più insostenibile quando la sua parola non sarà come quella degli altri profeti di corte, una parola di compiacimento e di rassicurazione.

Contro re e potenti!

Amos denuncia senza paura e senza ambiguità il re, i potenti del popolo, il culto e i sacerdoti, fin quando il sommo sacerdote Amasia lo caccia

Amasia, sacerdote di Betel, disse ad Amos: «Veggente, vattene, fuggi nel paese di Giuda; mangia il tuo pane laggiù e là profetizza; ma a Betel non profetizzare più, perché è santuario del re e residenza reale».

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.