Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
sabato 17 Aprile |
Santa Kateri Tekakwitha
home iconNews
line break icon

Bambini trasformati in “bombe umane”, la grande vergogna del mondo

BOY

Save The Children/European Commission DG ECHO

Pablo Cesio - pubblicato il 23/02/18

Una “nuova tendenza allarmante”, avverte la ONG Child Soldiers International

Quando è accaduto il 25 marzo 2010 nella località di El Charco, nel dipartimento di Nariño (Colombia), non si dovrebbe mai dimenticare. Quel giorno Heriberto Grueso Estupiñán, un bambino di 11 anni, è diventato un “messaggero della morte” dopo essere stato scelto dalle FARC, attualmente ex gruppo guerrigliero colombiano, per mettere in atto un sanguinoso attentato.

Quel giorno, dopo che era uscito da un centro educativo, un miliziano gli ha detto: “Porta questo materassino alla stazione”. Il bambino ha acconsentito in cambio di una modica somma di denaro. Quando si è avvicinato al posto di polizia si è sentita una forte esplosione. Il bambino è morto all’istante, e lo scoppio ha ferito vari civili e poliziotti.

Quello che è accaduto a Heriberto è stato un vero dramma, una tragedia enorme per la sua famiglia, soprattutto per la madre. “Mio figlio aveva solo 11 anni e non aveva fatto del male a nessuno”, ha dichiarato qualche anno fa aEl Tiempo, il giornale locale che ha ricostruito la storia di Heriberto, il “bambino-bomba”, un riflesso fedele delle peggiori atrocità della guerra.

Sono sempre più numerosi i bambini usati a questi scopi, come riferisce un rapporto recente presentato dalla ONGChild Soldiers International, organizzazione incaricata di mettere in guardia sull’aumento dell’uso di minori come “bombe umane”, una pratica diffusa in almeno 18 Paesi di combattimento dal 2016.

Attraverso un comunicato – nel contesto di un nuovo anniversario del protocollo della Convenzione sui Diritti dell’Infanzia, con enfasi sulla dichiarazione per la quale nessun minore di 18 anni può essere utilizzato in combattimento –, l’organizzazione ha sottolineato che questa pratica è diventata “una nuova tendenza allarmante”.

In America Latina, la Colombia integra la lista dei Paesi in cui si è registrata questa pratica abietta, accanto ad altri come India, Pakistan, Afghanistan, Filippine, Myanmar, Iraq, Somalia, Nigeria e Sudan, come riferisce EFE citando l’ONG.

Uno dei casi più emblematici è quello attribuito al gruppo terroristico Boko Haram in Nigeria e il suo frequente utilizzo di bambine come “bombe umane”.

Non solo “non statali”

Il rapporto denuncia anche non sono solo i gruppi guerriglieri o non statali a usare i bambini nella guerra.

“L’abuso sessuale, fisico e psicologico dei bambini nei conflitti continua ad essere sorprendentemente frequente”, aggiunge il comunicato di Child Soldiers International riguardo a una situazione che fa vergognare il mondo intero.

Il dramma di questi bambini, usati per la guerra nel corso degli ultimi anni e soprattutto nell’attualità, rappresenta una chiara opportunità su cui riflettere questo venerdì 23 febbraio, giorno in cui Papa Francesco ha convocato una Giornata di Preghiera e Digiuno per la Pace, in particolare per le popolazioni della Repubblica Democratica del Congo e del Sudan del Sud.

[Traduzione dallo spagnolo a cura di Roberta Sciamplicotti]

Tags:
bambiniguerravergogna
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
Don Davide conduce la nuova edizione de "I Viaggi del cuore"
Gelsomino Del Guercio
Don Davide Banzato: la fuga dal seminario, l’amore per un&#...
2
BLESSED CHILD
Philip Kosloski
Coprite i vostri figli con la protezione di Dio con questa preghi...
3
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
4
Lucandrea Massaro
“Cosa succede se un prete si innamora?”
5
AUGUSTINE;
Aleteia Brasil
8 grandi santi che soffrivano di depressione ma non si sono mai a...
6
MIGRANT
Jesús V. Picón
Il bambino perduto nel deserto ci invita a riflettere
7
Paola Belletti
È cieco chi vede in Isabella solo la sindrome di Down
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni