Ricevi Aleteia tutti i giorni
Iscriviti alla newsletter di Aleteia, il meglio dei nostri articoli gratis ogni giorno
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

12 donne fondamentali nella storia del femminismo  

ROSIE RIVETER,GIRL POWER,CARTOON
Shutterstock
Condividi

Molte altre hanno lottato e lottano ogni giorno per i loro diritti e l’uguaglianza nella società

Santa Teresa d’Avila

In pieno XVI secolo, la fondatrice delle Carmelitane Scalze si espresse in vari libri contro la disuguaglianza che constatava nelle decisioni prese dagli uomini che detenevano il potere nella sua epoca. “Il mondo ci tiene a bada”, “Anche se noi donne non siamo brave a dare consigli, a volte azzecchiamo”, o “Non è l’epoca per scartare spiriti forti, anche se sono di donne” sono alcune delle affermazioni che questa religiosa, dottore della Chiesa cattolica, ha lasciato scritte in un momento in cui le donne erano praticamente invisibili nella società.

Suor Juana Inés de la Cruz

Public Domain

Nata a Miguel Nepantla, in Messico, nel 1648, è considerata la prima femminista del “Nuovo Mondo”. Entrò in convento visto che l’università era riservata a gli uomini, e difese fino alla morte

la parità dei sessi, come si può vedere nelle sue opere Redondillas e Hombres necios. La lettera Respuesta a Sor Filotea de la Cruz è una chiara espressione dei diritti all’educazione delle donne, così come della possibilità di essere donna e al contempo intellettuale o erudita.

Frida Khalo

FRIDA KAHLO
PD

Nata nel 1907 a Coyoacán, in Messico, è stata una nota artista che fin da piccola ha sofferto forti dolori per fibromialgia, uniti ad altri traumi dovuti a un incidente. A 18 anni era stata investita da un tram, che le aveva spezzato la colonna vertebrale in tre parti, il che la costrinse a letto per molto tempo. Questo non le impedì di esprimersi con la pittura, esprimendo il dolore fisico ed emotivo per il desiderio non realizzato di diventare madre. Per via delle sue condizioni non riusciva infatti a portare a termine una gravidanza, e questo la portò a produrre alcune delle sue opere più famose, come Henry Ford Hospital o Frida y el aborto.

Pagine: 1 2 3 4

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.