Aleteia logoAleteia logoAleteia
mercoledì 01 Dicembre |
Beato Charles de Foucauld
Aleteia logo
Stile di vita
separateurCreated with Sketch.

Cosa ho chiesto a Dio sposandomi con un non credente

Shutterstock / vita khorzhevska

Inés Fontanals Cabré - pubblicato il 22/02/18

Ho accettato il cammino della fede in solitudine con un impegno: amarlo per me e per lui

Ho conosciuto mio marito 28 anni fa. Eravamo due giovani poco più che ventenni e ci siamo innamorati.

Io, come credente, chiedevo da tempo a Dio di donarmi una persona che non mi allontanasse dalle mie convinzioni. E così è stato. Non gli ho mai chiesto che fosse credente, ma che non mi separasse da Lui.

Prima di sposarmi ho riflettuto sul fatto che non fosse cristiano. Ha accettato di sposarsi per la Chiesa e che i nostri futuri figli venissero educati nel cristianesimo (ne abbiamo tre, tutti batezzati e che hanno fatto la Prima Comunione).

Ho accettato questa croce di vivere il cammino della fede in solitudine all’interno del matrimonio con l’impegno di amare Dio per me e per mio marito.

A volte è difficile vivere la fede da sola – quando vedi a Messa le coppie insieme – o pensare che non possiamo pregare insieme, condividere l’intimità della preghiera.

Ma offro tutto questo a Dio perché Egli lo trasformi in grazie per la nostra famiglia, perché trasformi insieme alla mia preghiera il cuore di mio marito e dei miei figli perché abbiano l’esperienza di Lui.

Mi sento animata a seguire la volontà di Dio e ad essere colei che porta la luce della fede nella mia famiglia, un apostolato costante, pregando sempre perché i miei cari trovino la fede.

Far parte di una famiglia di credenti e non credenti fa sì che siamo più immersi nel mondo, che abbiamo molto vicino un altro punto di vista, rispettando libertà e convinzioni.

Dio ha anche fatto sì che la mia fede diventasse più forte, perché ha messo nelle mie mani questa grande missione e ha fatto ciò che gli ho chiesto all’inizio di questo cammino: che non mi allontanassi dalle mie convinzioni.

La mia fede mi fa confidare in Dio e nel fatto che nel momento che riterrà opportuno toccherà il loro cuore, ma per farlo ha bisogno della mia preghiera. “Nulla senza di Te, nulla senza di noi”.

[Traduzione dallo spagnolo a cura di Roberta Sciamplicotti]

Tags:
diomatrimonionon credenti
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni