Aleteia logoAleteia logoAleteia
lunedì 30 Gennaio |
Santa Giacinta Marescotti
Aleteia logo
For Her
separateurCreated with Sketch.

Sesso e giovanissimi: no, non serve altra informazione se non c’è vera educazione

shutterstock_417140125

Shutterstock

Paola Belletti - Aleteia - pubblicato il 21/02/18

A partire dai dati allarmanti relativi alla diffusione di HIV e sifilide (malattia che pensavamo ormai debellata), la risalita intelligente e responsabile alle fonti del problema che è squisitamente umano

«È indispensabile e urgente tornare a parlare di sessualità consapevole, in casa e a scuola e dei molti rischi che la promiscuità casuale e precoce comporta. Dobbiamo educare fin da piccoli i nostri figli e i nostri allievi al valore dei sentimenti, del rispetto reciproco, del valore prezioso della salute, che va protetta anche dalle nostre impulsività giovanili. Educare a scegliere consapevolmente gradi progressivi di intimità, anche fisica, perché ci si sente pronti e non perché tutti lo fanno o perché si è ubriachi o sotto l’effetto di stupefacenti. Tutti noi adulti abbiamo una grande responsabilità di fronte a una realtà che può compromettere le giovani generazioni: non possiamo continuare con un colpevole silenzio, né arrenderci a un’epidemia di brutalizzazione sessuale. Oggi più di ieri, dobbiamo riscoprire e valorizzare la bellezza di un’intimità scelta, affettuosa, sincera, esclusiva e luminosa.»

Queste sono le conclusioni, il succo della articolata e competente risposta di un’esperta alla domanda di un genitore preoccupato.

Lei è la professoressa Alessandra Grazziottin, direttore del Centro Medico di Ginecologia e Sessuologia medica San Raffaele Resnati. La domanda quella di una mamma e di un papà in ansia per la diffusa ignoranza dei giovani sul rischio HIV. Eppure la loro preoccupazione sembra troppo piccola o almeno non ben calibrata. Concentrata sulle foglie e non sul tronco e la radici dell’albero.

Leggendo il numero di Marzo 2018 della rivista BenEssere trovo con sollievo questa risposta, da parte appunto, di un’esperta.

Sì anche chi ha competenze tecniche, mediche, sanitarie se lavora seriamente con l’uomo reale e guardato nella sua integralità sa con drammatica chiarezza che la vera emergenza è sempre di carattere educativo e antropologico.

Certo è giusto rilanciare l’allarme sulla minaccia sempre presente, e resa più forte dal fatto che venga ignorata, di una infezione grave come quella da Immunodeficienza Acquisita. Ma chi conosce da vicino e da anni i comportamenti sessuali dei giovani e giovanissimi rintraccia proprio in un piano più elevato la soluzione efficace a questo problema.

In altre parole non servono ancora più informazioni. Non siamo forse nell’epoca Google? E Google non sa praticamente tutto? No, ovviamente. E nemmeno si può trovare una risposta se non la si cerca e peggio se non ci si pone la relativa domanda.

E non ci si pongono certe domande perché, come spiega in altri termini la professoressa, moltissimi sono i giovani che si trovano a vivere  una sessualità disordinata, episodica, fast and fourious, consumistica. E, va aggiunto, pochissimo soddisfacente.


RAGAZZA,ADOLESCENTE,DEPRESSIONE,SESSO

Leggi anche:
Per gli adolescenti il sesso è deprimente

Anziché mandare dei “Canadair” a gettare quintali di preservativi su scuole, discoteche, altri luoghi di ritrovo; anziché battere sempre il chiodo della necessità di schivare le gravidanze indesiderate (non da tutti comunque. I bambini concepiti forse si sentono di desiderare che prosegua, la loro propria gravidanza) e piuttosto che consigliare interventi abortivi precoci, precocissimi o di emergenza, la cosa più importante è aiutare i giovani a diventare uomini e donne liberi.

Non si viene al mondo buoni e virtuosi (caro il mio Rousseau), potremmo anche dire, ma lo si diventa con la fatica, la disciplina, la cura vera di sé. Con l’amorevole custodia del proprio corpo e il rispetto di quello altrui  – e non tanto perché usato male può farsi ricettacolo di malattie ma proprio perché non va usato! Perché non è una cosa di cui disporre ma espressione fisica di quell’unicum irriducibile che è la persona umana.

Se una ragazza ha imparato e sta imparando che è un essere prezioso e unico e che potrà esercitare anche la propria sessualità come linguaggio di amore e donazione sarà più accorta e da sola vigilerà per evitare di cacciarsi in situazioni dove il controllo delle proprie azioni svanisce coi fumi dell’alcol o di droghe ad esempio. Se avrà consolidato significative relazioni di amicizia nelle quali si sente apprezzata anche quando non brilla, allora forse cercherà meno occasioni per sballarsi o per darsi un tono o diventare una dura, del gruppo dei duri.




Leggi anche:
Tra le mode dei giovanissimi infuria anche quella del “sesso chimico”

Se un ragazzo avrà intuito che diventare uomo è un’avventura esaltante, che la sua forza anche legata alla passione fisica può essere dominata e messa al servizio di chi realmente lo ama; se avrà trovato soddisfazione nel vincere frustrazioni, piccoli fallimenti e sconfitte e nel perseguire con impegno piccoli o grandi risultati personali forse avrà meno tempo e spazio mentale per andare in cerca di fugaci incontri a scopo conquista erotica. Anzi, saprà forse che la conquista quella vera, di una ragazza vera e non della sua disponibilità sessuale poco convinta, è impresa da uomini veri.

«Dal 1982 in Italia ci sono stati 68.000 casi di Aids di cui ben 43.000 deceduti: la vasta maggioranza! La malattia resta grave e pesantissima, con un alto prezzo in salute. I dati del nostro Istituto superiore di sanità (Iss) confermano il vostro sospetto: molti giovani non conoscono né i fattori di rischio, né la gravità della malattia, con conseguenze gravi. Spesso si contraggono più infezioni sessualmente trasmissibili. Un altro allarme rosso (di cui non si parla) è la sifilide, che in Italia negli ultimi anni è aumentata del 400 per cento. E pensare che credevamo di averla debellata!»

Secondo la sessuologa  in base alle sue sensate conclusioni allora i dati terribili che ci raccontano di vere e insensate epidemie possono cambiare radicalmente solo se noi adulti risponderemo presto, bene e a lungo all’emergenza che sta alla radice di questo disastro: quella educativa.

Tags:
educazione
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Affida le tue intenzioni di preghiera alla nostra rete di monasteri


Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni