Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
domenica 24 Gennaio |
Santa Marianne (Barbara) Cope di Molokai
home iconStorie
line break icon

Questo monaco scala una montagna ogni giorno per arrivare in chiesa

Facebook

Roberta Sciamplicotti - Aleteia Italia - pubblicato il 21/02/18

La fede smuove le montagne... in vari modi!

Chi salirà il monte del Signore, chi starà nel suo luogo santo? Chi ha mani innocenti e cuore puro” (Salmo 23). Si potrebbe dire che Haylesilassie Kahsay, un monaco copto etiope, appartenga a questa schiera di persone.

Sulle montagne del Gheralta, nel nord dell’Etiopia, padre Kahsay cammina per due ore ogni giorno e poi scala una montagna per arrivare alla Abuna Yemata Guh, una chiesa scavata nel fianco del monte, ornata di affreschi colorati e due cupole.

La chiesa di Abuna Yemata Guh è stata scavata nella roccia da Sant’Abuna Yemata, uno dei cosiddetti Nove Santi, nel VI secolo, quando questi arrivò nella zona dalla Siria. Per certi storici, alcuni dei Nove Santi giunsero nella regione da Costantinopoli o da Roma.

La vita quotidiana di padre Haylesilassie Kahsay è fatta di lavoro e preghiera. Si alza all’alba e lavora fino alle 6.00 a casa sua. Dopo aver fatto colazione inizia la camminata per arrivare in chiesa.

La scalata che deve affrontare include una parete verticale di dieci metri. “Non ho paura quando scalo la montagna per arrivare in chiesa perché lo faccio ogni giorno. È molto difficile, ma lo trovo fattibile”, ha riferito padre Kahsay alla BBC.

Una volta giunto in chiesa, il monaco trascorre il suo tempo dividendosi tra preghiera e studio, soprattutto di testi antichi. “Sono felice di leggere per tutta la giornata. Qui è molto tranquillo, non c’è nessuno con cui parlare. Si comunica con Dio e si condividono i propri segreti con Lui. E poi la mente diventa libera e felice”.

Per secoli i monaci che giungevano qui per recarsi nella chiesa vi sono stati anche sepolti, ma nessuno di loro è mai morto, inciampato o ha avuto un incidente durante l’ascesa del monte.

“I Nove Santi che vivono su queste montagne mi proteggono”, ha affermato sorridendo padre Kahsay.

[Traduzione dall’inglese a cura di Roberta Sciamplicotti]

Tags:
chiesacoptietiopiamonacimontagna
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
CATERINA SCORSONE
Cerith Gardiner
19 personaggi famosi orgogliosi dei propri figli con necessità sp...
2
SINDONE 3D
Lucandrea Massaro
L'Uomo della Sindone ricostruito in 3D. I Vangeli raccontano la v...
3
Tzachi Lang, Israel Antiquities Authority
John Burger
Un'iscrizione che riporta “Cristo nato da Maria” ritrovata in un'...
4
Perdonare
Bret Thoman, OFS
I 4 passi del perdono secondo un esorcista
5
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
6
Silvia Lucchetti
A 18 anni, sola in ospedale: il pianto di un neonato mi ha ridato...
7
LIBBY OSGOOD
Sandra Ferrer
Libby Osgood, la scienziata della NASA diventata suora
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni