Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
martedì 11 Maggio |
home iconApprofondimenti
line break icon

Chi è il primo satanista della storia? Quando si è svolta la prima messa nera?

SATANIC MAGIC

By lady_in_red13 | Shutterstock

Gelsomino Del Guercio - pubblicato il 20/02/18

Sesso e diavolo

Crowley si mostrò fin dai primi anni «molto viziato, capriccioso e libidinoso, e anche violento, come ebbe a scrivere di lui mons. Corrado Balducci, uno dei più noti demonologi contemporanei. Viaggiò moltissimo per approfondire quegli aspetti che gli interessavano. Aveva due grandi passioni: il sesso e il diavolo. Il suo desiderio era quello di entrare in un contatto personale con il diavolo. Come afferma Balducci, “nella magia sessuale egli finirà per trovare la giustificazione e l’appagamento di queste due brame“. Fondò anche un ordine nel 1907: “Stella d’argento”».

Orge in Sicilia

Questo personaggio così oscuro e strano approdo anche in Italia. «A Cefalù in Sicilia fondò nell’aprile del 1920 un convento di Satana. Non é improbabile che qui con i suoi discepoli abbia organizzato non solo orge, con la presenza sempre di droga e di sesso, ma anche dei sacrifici umani oltre che di animali. Il mondo non lo amò più di tanto, anzi provava ribrezzo verso di lui per la sua oscenità, le manie e le orge bestiali. Iniziò così il suo declino, venne espulso anche dalla Francia».




Leggi anche:
Michela…fuggita dal satanismo

La perversione di OTO

Fu nel Paese transalpino, quando fu decretata la sua espulsione, che il giudice stesso scrisse che non aveva mai sentito di cose così abominevoli, anche se Crowley si definiva il più grande poeta vivente. Morì in piena solitudine consumato dalla droga il primo dicembre del 1947.

«A torto o a ragione – sottolinea Sini – fu considerato l’uomo più perverso del mondo. Occorre dire che il satanismo esiste ancora e le idee di Crowley continuano nelle sette da lui fondate come l’OTO, diffuse in Inghilterra, in Germania, negli Stati Uniti. Ha trovato terreno fertile in Anton LaVey, nato nel 1930 a Oakland in California e fondatore della Chiesa di Satana.




Leggi anche:
Il gesto delle corna fatto dal Papa è legato al satanismo?

La “bibbia satanica”

Cromley pubblicò persino la “bibbia satanica”. «Vengono enunciate in questo libro – afferma l’esperto – le sue convinzioni sull’uomo come un essere teso a soddisfare e ad appagare gli impulsi e le proprie brame. A seguito di scissioni interne, la chiesa da lui fondata, si sgretolò e oggi rimangono solo i suoi scritti».

Torino e quei numeri da verificare

Quando si parla di chiese sataniche, dice, infine Sini, «si azzarda anche un numero sui suoi aderenti, si parla di 40.000. Sono cifre evidentemente che hanno bisogno di essereverificate, anche perché chi aderisce ad una setta satanica é tenuto al segreto se vuole evitare ritorsioni e non correre pericolo di vita. Una delle città più malefiche é considerata Torino. Persino Giovanni Paolo II fece durante il suo viaggio in Piemonte riferimento a questa città , “perché dove vi sono i santi lì arriva anche il demonio”».




Leggi anche:
Perché Torino viene definita la città di Satana?

Le messe nere

Se Crowley si può considerare il padre del satanismo, e la sua presenza perversa si attesta nel corso del primo novecento, la prima messa nera ha radici ben più remote.

Prima di tutto, però, precisa ancora Sini, bisogna spiegare in che cosa consiste una messa nera. «E’ una vera celebrazione a somiglianza di quella cattolica che segue un rito, ha dei sacerdoti che la officiano, che indossano dei paramenti, ma é una vera profanazione del rito cattolico. Generalmente i paramenti e le ostie che vengono utilizzate durante il rito sono frutto di profanazioni e sono state asportate da qualche chiesa, ugualmente le croci rovesciate che vengono utilizzate».




Leggi anche:
Come la Messa nera dei satanisti prova la verità del cattolicesimo

  • 1
  • 2
  • 3
Tags:
diavolomessa nera
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Top 10
1
PRAY
Philip Kosloski
Come sapere se la vostra anima ha subìto un attacco spirituale?
2
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
3
Mar Dorrio
Come trarre profitto spirituale dai momenti negativi?
4
Web católico de Javier
Aneddoti che raccontano l’umorismo di Padre Pio
5
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
6
ROSES, TERESA LISIEUX
Annalisa Teggi
Novena delle rose, 5 storie di chi ha ricevuto una carezza da San...
7
chiara amirante,
Paola Belletti
Perché dobbiamo pregare per la guarigione di Chiara Amirante
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni