Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
domenica 18 Aprile |
Beata Savina Petrilli
home iconStile di vita
line break icon

Si può essere come un monaco anche se si vive in città?

Shutterstock

padre Michael Rennier - pubblicato il 19/02/18

Queste 6 pratiche possono aiutarvi a diventare veri contemplativi

La Quaresima è un buon momento per fermarsi e pensare a come usiamo il nostro tempo. Non è facile praticare una disciplina spirituale extra per 40 giorni, ma è un’opportunità impagabile per riflettere sul significato della nostra esistenza.

Il monaco Thomas Merton ha scritto che “nella vita contemplativa c’è sempre una tentazione ad aggirare”. Citandolo nel suo libro Pilgrim at Tinker Creek, Annie Dillard afferma che per lei la mancanza di ambizione contemplativa significa “avere un po’ di amici, mangiare un po’ e viaggiare un po’”.

Si evita sempre di pensare alle grandi domande della vita, perché può sembrare impraticabile cercare la grazia in ogni momento. È anche inquietante, perché riconosce il pericolo che si annida dietro ogni angolo.

Annie Dillard, vincitrice del Premio Pulitzer nel 1975, è un caso di studio interessante, perché parla della contemplazione in un normale sobborgo della Virginia (Stati Uniti).

Praticare la contemplazione nei sobborghi potrebbe sembrare strano, ma dico che non solo è possibile, ma è anche una componente necessaria della felicità. La contemplazione ci fa rallentare per poter osservare la presenza di Dio in tutte le distrazioni quotidiane che ci circondano. Se non siamo stati posti su questa terra per cercare di comprendere il significato dell’esistenza, allora che ci stiamo a fare?

Ecco sei suggerimenti utili, in parte ispirati al libro della Dillard, su come essere un “contemplativo urbano”:

Coltivare una sana semplicità

Quando porto i miei figli a fare una passeggiata nel nostro quartiere, trovano uova di pettirosso, guardano le formiche deliziarsi con i resti del ghiaccioli e prendono ogni sasso che trovano perché potrebbe essere un diamante. La Dillard scrive di come nascondesse i centesimi sul marciapiedi perché fossero tesori da far trovare ad altri. Ci vuole una semplicità sana e da bambino per notare tutti i tesori che si annidano ai nostri piedi. Se ci fermiamo e osserviamo con attenzione, la bellezza del mondo diventa uno specchio attraverso il quale vedere più chiaramente quanto il mondo stesso sia bello.

  • 1
  • 2
Tags:
contemplazionemonachesimo
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
Don Davide conduce la nuova edizione de "I Viaggi del cuore"
Gelsomino Del Guercio
Don Davide Banzato: la fuga dal seminario, l’amore per un&#...
2
Gelsomino Del Guercio
Scoperti nuovi frammenti della Bibbia: ma al posto di Dio c’è scr...
3
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
4
BLESSED CHILD
Philip Kosloski
Coprite i vostri figli con la protezione di Dio con questa preghi...
5
Paola Belletti
È cieco chi vede in Isabella solo la sindrome di Down
6
SERGIO DE SIMONE
Gelsomino Del Guercio
L’agonia di Sergio, il bambino napoletano che fu sottoposto...
7
MIGRANT
Jesús V. Picón
Il bambino perduto nel deserto ci invita a riflettere
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni