Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

Iscriviti alla Newsletter

Ricevi Aleteia tutti i giorni
Aleteia

Un padre allatta il figlio. Questa è la vera notizia. Ma perché?

Condividi

Un uomo in terapia ormonale femminilizzante dal 2011, dopo avere concepito un figlio con la compagna, ora che è nato lo vuole allattare, perché la madre biologica, invece, non ne ha desiderio. E ci riesce, per sole 6 settimane

“(ANSA) – ROMA, 15 FEB – Con una terapia ormonale specifica un la trans, in terapia femminilizzante da diversi anni, è riuscita ad allattare il figlio avuto dalla compagna. “

Così si legge sul sito dell’Ansa. Mi ha confortato (solo!) il refuso scappato al redattore: “un la trans”.

Perché, signore, signori, abbandonando con coraggio che forse può parere insensibilità, questo folle galateo imposto che prevede l’uso di certi termini e lo slalom per evitarne ossessivamente altri bisogna dare alla realtà il nome che le spetta, pena la deformazione grottesca e violenta non solo della lingua ma della stessa realtà.

(Sapete che, per ora nei soli paesi anglosassoni, stanno prendendo piede protocolli interni per gli staff medici e paramedici perché abbandonino l’espressione discriminante “allattamento al seno” per il più inclusivo “allattamento al petto?”, vedi Dailymail. E a denunciare questo sopruso nei confronti delle donne e delle differenze biologiche in U.K è stata proprio un’attivista femminista, lesbica dichiarata, Julie Bindel. Accusata con ferocia inspiegabile di odio transfobico! (Vedi The Guardian)

Se questa persona è padre del figlio avuto dalla compagna significa che è un uomo, maschio, dotato di apparato riproduttivo maschile.

Se ora può allattare significa invece che è successo qualcosa di possibile per mezzo di una sgraziatissima ingerenza della tecnica che crede ormai assodato il sinonimo possibile-lecito. Oppure ha rimosso del tutto il problema della liceità e dei confini etici della propria azione.

Ma torniamo alla notizia: questo signore, che viene chiamato al femminile, si è recato presso una clinica newyorkese specializzata in un approccio multidisciplinare e compassionevole (si legge nel sito) nei confronti della comunità transgender: il  Center for Transgender Medicine and Surgery del Mount Sinai Hospital di New York. (Vedi Ansa.it) per avanzare una richiesta specifica. Il trentenne, ci riferiscono, aveva già intrapreso dal 2011 una terapia femminilizzante per, cito, “un’incongruenza di genere” che era emersa pare chiaramente” dalla storia medica del paziente”. (Ibidem)

Per quale motivo si rivolge a questa clinica? Perché la compagna non voleva allattare, dichiara lui stesso.

Ecco che lo staff medico, in forza di questa dichiarazione, procede con  “il protocollo per la ‘lattazione indotta non puerperale'”. Lo stesso “che si usa anche per le donne per stimolare la produzione di latte.” Dopo tre mesi, grazie alla somministrazione di ormoni e alla stimolazione prodotta dall’uso del tiralatte ecco che il padre del bambino è in grado di produrre una quantità sufficiente di latte per questo piccolo innocente. Per sole sei settimane.

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni