Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
domenica 11 Aprile |
Domenica dell'Ottava di Pasqua
home iconSpiritualità
line break icon

Benedetta sia l’amarezza per il male compiuto ed il bene non fatto

SAD

Photo by SHTTEFAN on Unsplash

Paola Belletti - Aleteia Italia - pubblicato il 19/02/18

Con il pentimento, la grazia di Dio farà erompere nuovi, audaci germogli di libertà e vero amore

Benedetto senso di colpa così ingiustamente e lungamente bistrattato! L’uomo che ha sfrattato Dio, il Dio che conosceva da secoli, onnipotente, buono, giusto, misericordioso, davanti a quali pietosi piedi potrebbe lasciar cadere i suoi fardelli pesanti?

Se non abbiamo più in mente e nel cuore la memoria viva di Cristo che è già passato a pagare tutti i nostri debiti lasciandoci per giunta una cifra di sicurezza per ogni necessità, cos’altro possiamo fare se non nascondere le nostre nefandezze sotto il tappeto?

Benedetto invece sia, di nuovo, il senso di colpa e più ancora quello del peccato. Benedetto il rimorso che ci attanaglia e ci tormenta. Benedette le ferite aperte che fanno male ma impediscono ai tessuti cardiaci di diventare sclerotici. E dopo il dolore per il male compiuto e il bene non fatto, guariti dal perdono di Cristo, lasciamo si apra nel nostro cuore un’altra ferita, inflitta dal tormento per la Sua Gloria, perché diventiamo sempre più impazienti: che sia conosciuto e onorato e amato come merita!

Benedetta quella piaga di vero amore per Cristo che non vogliamo si rimargini fino al Cielo (mi riaffiora la commovente preghiera di S. Luis de Grandmaison: possiamo adottarla per questa Quaresima? Si addice all’attesa amorosa e dolente dello Sposo)

Sono molte le occasioni nelle quali ho mostrato a me stessa, a Dio e spesso anche agli altri la mia gretta tendenza al risparmio di bene. Avidità spesso commutata nell’odiosa valuta della recriminazione e della lamentela petulante. E siccome il Signore ci lascia sempre filtrare sufficiente luce nelle cave umide del nostro cuore per vedere muffe e vecchi cimeli del nostro io tenuti lì a marcire, e ci sveglia la memoria perché possiamo fare un sufficiente inventario delle offese inflitte, delle parole triste, delle scortesie, delle zampate di orgoglio e patetica superbia esibita nella nostra vita, allora ecco con liete lacrime di pentimento mi avvicino a Lui per chiedere ancora e di nuovo la Sua grazia, certa che Lui davvero mi perdonerà e mi renderà libera

Tags:
quaresimarimorsotestimonianze di vita e di fede
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni