Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
sabato 17 Aprile |
Santa Kateri Tekakwitha
home iconStile di vita
line break icon

Mindfulness per alleviare l’emicrania?

Shutterstock

Anna O'Neil - pubblicato il 16/02/18

Secondo uno studio recente, il mindfulness può influire sul modo in cui proviamo fisicamente il dolore

Dolore” è una parola sola, ma in senso neurologico si tratta di tre attività indipendenti nel cervello, e anche se due sono fondamentalmente fuori dal nostro controllo una non lo è. Visto che sto scrivendo mentre ho l’emicrania, ho potuto verificare che questa informazione mi sta aiutando in questa mattinata tanto difficile, il che non è di poco conto. Mi spiego.

Secondo uno studio pubblicato nel 2016 dal Centro Nazionale per l’Informazione Biotecnologica degli Stati Uniti, il dolore è composto da tre elementi:

1. Sensoriale: una sensazione di dolore come risultato del fatto che qualcosa di fisico nel corpo è stato danneggiato o non funziona correttamente.
2. Cognitivo: l’essersi resi conto del fatto che si prova dolore e ci si pensa.
3. Affettivo-motivante: considerare il dolore qualcosa di sgradevole e volere che passi.

In una risonanza magnetica, ogni elemento di quello che proviamo come dolore appare come un’attività diversa nel cervello. Parlando a livello mentale, non c’è nulla da fare se una parte del corpo non funziona come dovrebbe e fa male.

E a meno che non si stia dormendo non si avrà molto successo se si cerca di eliminare l’aspetto cognitivo del dolore. Non è possibile non rendersi conto del fatto che qualcosa fa male. Ma cosa accade con il terzo elemento, quello affettivo-motivante? Beh, questa è un’altra storia.

In base allo studio, la pratica del mindfulness, il metodo di meditazione noto anche come “piena consapevolezza”, può alterare fisicamente l’attività neuronale corrispondente al modo in cui il cervello sente questo terzo elemento del dolore, così da poterne alterare l’intensità.

Al margine di tutta questa scienza formale, i sostenitori del mindfulness hanno riconosciuto questo fenomeno e hanno creato il proprio linguaggio, classificando il dolore in due categorie:

dolore primario, ovvero la sensazione di dolore in sé
dolore secondario, ovvero la nostra resistenza naturale al dolore, quella parte in cui pensiamo “Odio questa cosa, vorrei che finisse subito, è orribile”. È questo dolore secondario che può essere in qualche misura controllato.

  • 1
  • 2
Tags:
mindfulnesssalute
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
Don Davide conduce la nuova edizione de "I Viaggi del cuore"
Gelsomino Del Guercio
Don Davide Banzato: la fuga dal seminario, l’amore per un&#...
2
BLESSED CHILD
Philip Kosloski
Coprite i vostri figli con la protezione di Dio con questa preghi...
3
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
4
Lucandrea Massaro
“Cosa succede se un prete si innamora?”
5
AUGUSTINE;
Aleteia Brasil
8 grandi santi che soffrivano di depressione ma non si sono mai a...
6
MIGRANT
Jesús V. Picón
Il bambino perduto nel deserto ci invita a riflettere
7
Paola Belletti
È cieco chi vede in Isabella solo la sindrome di Down
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni