Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
sabato 16 Gennaio |
San José Vaz
home iconFor Her
line break icon

Un nuovo libro per essere fiere della propria femminilità

Shutterstock

Maëlys Devolvé - pubblicato il 16/02/18

Con “Mon corps ne vous appartient pas” [“Il mio corpo non vi appartiene”, N.d.T.], la giovane madre e filosofa Marianne Durano propone delle piste per riappropriarsi del proprio corpo femminile, troppo spesso sottomesso alla tecnica e al mercato.

Nel suo gagliardo saggio, comparso il 18 gennaio per le edizioni Albin Michel, Marianne Durano, giovane docente di filosofia e madre di due bambini, denuncia le violenze tecniche e mediche che subiscono le donne del nostro tempo. Pratiche ginecologiche abusive fin dall’adolescenza, pillola contraccettiva, ipermedicalizzazione della gravidanza, vista come una malattia, inadeguatezza del mercato del lavoro, PMA e GPA… accade di tutto!

Ma questo libro non è che un inventario – innegabilmente necessario – di tutte le dipendenze tecniche attuali che alienano il corpo della donna. Attraverso la propria testimonianza di donna e di madre, Marianne Durano propone delle piste, da applicare a livello personale, sociale e politico, per aiutare le donne a riappropriarsi del proprio corpo. È questo che fa la forza del libro, oltre alla penna incisiva dell’autrice, che si fonda su una preparazione filosofica illuminante e salutare.

Riconoscere che le donne non sono degli uomini come gli altri

Come accettare serenamente il proprio corpo di donna in una società che cerca di attenuarne le specificità? La risposta di Marianne Durano è semplice: «Cessando di vedere la donna come un uomo mancato». L’ultimo capitolo della sua opera porta questo titolo incisivo: «Dove l’autrice mostra quanto la nostra società sia ereditiera di tutta la storia della filosofia che, da Aristotele a Simone de Beauvoir, registra un disprezzo del corpo femminile, considerandolo con disgusto o semplicemente ignorandolo».


MICHELLE HUNZIKER

Leggi anche:
Hunziker, omaggio alle donne: “Come cosa c’entra? La Madonna è la mamma di tutte le mamme!”

A fronte di questo tradizionale rigetto, Marianne Durano rivendica la necessità di pensare il corpo della donna come soggetto di riflessione filosofica, con tutte le sue specificità. Si tratta di riprendere coscienza del fatto che il corpo femminile è differente da quello dell’uomo perché può accogliere la vita. Questa possibilità della maternità non è anodina, ed è necessario riconsiderare il corpo femminile come un “corpo materno”, «luogo di sorgiva ed imprevedibile eruzione della vita».

Per la filosofa, non si tratta di posizionarsi in un rapporto di gerarchia in cui il mascolino avrebbe supremazia e dove le donne dovrebbero negare la propria femminilità per assomigliare agli uomini e attendere una utopica uguaglianza, ma di riconoscere questa maternità come specificità fondamentale del corpo della donna. È solo riconoscendo e valorizzando questa incredibile capacità delle donne di accogliere la vita che si potranno aiutare le donne ad accettare la propria femminilità.

Conoscersi per meglio accogliere le proprie specificità

Ben a ragione dunque Marianne Durano lo ricorda: «Il mio corpo non è una proprietà, un bene, è la condizione di ogni bene». E allora, partendo da qui, come possiamo evitare che il nostro corpo divenga proprietà dei laboratori farmaceutici e di un sistema medico intrusivo? Imparando a conoscersi, ad ascoltare il proprio corpo senza soffocarlo a botte di ormoni. Per questo Marianne Durano raccomanda una migliore informazione sui metodi naturali di regolazione delle nascite, che riposano sulla conoscenza dei propri cicli da parte della donna.

  • 1
  • 2
  • 3
Tags:
femminismomaternitàsocietà
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Semplici scatti
Puoi chiamarle coincidenze ma sono carezze di...
Gelsomino Del Guercio
Etiopia, strage di cristiani nel Tigrai: dife...
SALVE REGINA
José Miguel Carrera
Un Salve Regina come non lo avete mai visto
Silvia Lucchetti
Silvia e Andrea: il nostro matrimonio stava c...
Alessandro Gisotti
Papa: prima di giudicare, guardiamoci allo sp...
FRA BENIGNO ESORCISTA
Chiara Ippolito
Il più commovente caso di liberazione: quando...
COVID
Gelsomino Del Guercio
Il prete: benedivo senza olio i malati gravi,...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni