Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
mercoledì 22 Settembre |
San Maurizio
home iconFor Her
line break icon

5 cose che i mistici mi hanno insegnato sulla maternità

Padre Lawrence Lew, O.P./Flickr

Christiana Peterson - pubblicato il 16/02/18

2. La sofferenza ci aiuta a crescere nella compassione

Molti mistici, come Margery Kempe e Giuliana di Norwich, hanno affrontato momenti difficili a livello emotivo. Anche i mistici più pii e devoti erano afflitti da tormenti spirituali, giornate no e dolore fisico e psicologico.

Quando lottavo con la mia ansia e la mia depressione, leggere del loro dolore mi ha aiutata ad affrontare il mio. Sapere che quelle donne dalla fede radicale hanno lottato con la salute emotiva mi ha fatta sentire meno sola. Lo stress emotivo fa parte della maternità, ma la depressione e l’ansia possono essere problemi a lungo termine che richiedono assistenza e farmaci. Sperimentare questo tipo di sofferenza mi ha insegnato che a volte dobbiamo ascoltare meglio noi stessi, il nostro corpo e il nostro cuore. Ci vuole coraggio per dire “Ho bisogno di aiuto”, e soffrire può essere un’esperienza di grande umiltà, che ci dà la compassione per il dolore altrui.

3. Praticare l’ospitalità autentica

Molti mistici hanno praticato l’ospitalità radicale, o come dice il mio amico e scrittore David Janzen “l’ospitalità che viene offerta a chi non può contraccambiare”. Che si trattasse di accettare persone in casa propria o nel proprio convento o monastero o di offrire lavoro e servizio ai bisognosi, i mistici erano ospitali.

Quando sono diventata moglie e madre non sapevo cucinare. Poco tempo dopo esserci trasferiti in una fattoria sono stata catapultata nelle gioie e nelle sfide dell’ospitare e cucinare per folti gruppi di persone nella mia piccola casa; all’epoca l’ospitalità significava servire i nostri pasti migliori e assicurarci che la casa fosse pulita al massimo. Più ospitavo, però, più capivo che che l’ospitalità non riguarda il fatto di avere belle stoviglie, gusti costosi o una casa pulita.

A volte siamo in grado di offrire ospitalità più autenticamente quando la gente viene a casa nostra quando non ci siamo preparati ad accoglierla. Quando mio figlio minore aveva solo pochi mesi, mi sono confusa con un appuntamento con un’amica, che è arrivata in un momento in cui non l’aspettavo. Sono rimasta imbarazzata perché la cucina non era pulita, il soggiorno era un disastro ed ero tutta spettinata. Quando mi sono scusata, la mia amica ha detto che era felice che fossi così reale. Penso che mi stesse dicendo che il nostro rapporto poteva approfondirsi un po’ per via del contesto di onestà in cui avveniva il nostro incontro.

L’ospitalità è più di invitare le persone a mangiare da noi; riguarda il fatto di offrire autenticamente agli altri i bei doni che abbiamo.

4. Essere generosi

Come San Francesco, molti mistici hanno dato via tutto ciò che avevano.

  • 1
  • 2
  • 3
Tags:
maternità
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
POPE JOHN PAUL II
Philip Kosloski
I consigli di san Giovanni Paolo II per pregare
2
BABY
Mathilde De Robien
Nomi maschili che portano impresso il sigillo di Dio
3
SINDONE 3D
Lucandrea Massaro
L’Uomo della Sindone ricostruito in 3D. I Vangeli raccontano la v...
4
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
5
MAN HOSPITALIZED,
Silvia Lucchetti
Colpito da ictus: la Madonna di Loreto mi ha salvato ed è venuta ...
6
Padre Ignacio María Doñoro de los Ríos
Francisco Vêneto
Il cappellano militare che si è finto malvivente per salvare un b...
7
SERENITY
Octavio Messias
4 suggerimenti contro l’ansia
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni