Ricevi Aleteia tutti i giorni
Iscriviti alla newsletter di Aleteia, il meglio dei nostri articoli gratis ogni giorno
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

5 cose che i mistici mi hanno insegnato sulla maternità

Padre Lawrence Lew, O.P./Flickr
Condividi

I mistici possono aiutarvi a vivere più semplicemente, ad abbandonare le insicurezze e ad essere una madre migliore per i vostri figli

Quando soffrivo di depressione post-partum ho cercato sollievo nella mistica cristiana come modo per trovare un linguaggio per esprimere le mie intense emozioni. Vivo in una comunità intenzionale in una fattoria – uno stile di vita che a volte può sembrare radicale. Visto che i mistici cristiani sembrano spesso indugiare sulle periferie della società, della religione e a volte perfino della salute emotiva, mi hanno dato una prospettiva sulla mia vita e le mie esperienze. Ecco cinque cose che ho imparato da questi mistici, perlopiù single e di clausura, nell’essere madre e nel prendermi cura della mia famiglia e della mia comunità:

1. Vivere in modo semplice è significativo

Dopo l’incontro con un lebbroso che gli ha cambiato la vita, San Francesco d’Assisi – cresciuto nell’agiatezza – ha dato via tutto ciò che possedeva. Come Francesco, molti mistici cristiani sono radicali nel loro modo di abbracciare la semplicità. Studiarli mi ha incoraggiata a trovare dei modi per vivere in modo più semplice. Rinunciare alle cose che sembrano importanti nella mia vita quotidiana può sembrare un fardello pesante, ma l’ironia è che meno ho più facilmente sono soddisfatta.

Al giorno d’oggi molta gente pensa che vivere in modo più semplice sia meglio per l’ambiente, per la salute emotiva e per estensione per chi vive in povertà nel mondo, ma la semplicità non deve voler dire per forza vivere in una casa senza elettricità (anche se alcuni amano farlo). Ci sono molti modi in cui ciascuno di noi può portare semplicità nella propria vita.

Un modo è l’elettronica. Ho scoperto che l’utilizzo dei social media e del mio smartphone ha il potenziale di farmi perdere interazioni importanti con i miei figli. Mio marito ed io abbiamo la regola per la quale il telefono non può mai essere portato a tavola, e a meno che non stia lavorando a qualcosa di urgente cerco di limitare l’uso del telefono e del computer quando i bambini tornano da scuola.

E il tempo che si risparmia vi permetterà di fare molte cose extra: il giardinaggio è un modo semplice e gratificante per aiutare voi e i vostri figli a capire meglio e ad apprezzare da dove viene il cibo che mangiate. Ripulire casa, dare via oggetti e vestiti superflui, non comprare cose di cui non si ha bisogno e che non si useranno, comprare nei negozi dell’usato… sono tutti primi passi verso la semplicità. Ma soprattutto, la semplicità implica un cambiamento di prospettiva che dica “Posso essere soddisfatto con meno e concentrarmi sulle cose immateriali che danno un senso alla mia vita”.

Pagine: 1 2 3

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni