Ricevi Aleteia tutti i giorni

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

3 devozioni per andare al cuore dei venerdì di Quaresima

Condividi

Arricchite la vostra Quaresima con queste devozioni meno note in memoria della Passione di Cristo

La Quaresima è un momento speciale nel calendario della Chiesa, in cui si ci concentra in modo particolare sulla Passione e morte di Cristo. Ci dà l’opportunità di meditare sulla sofferenza di Gesù, riconoscendo al contempo il nostro ruolo peccatore nella sua crocifissione.

Come afferma chiaramente il Catechismo della Chiesa Cattolica, la Chiesa “non ha mai dimenticato che « ogni singolo peccatore è realmente causa e strumento delle […] sofferenze » del divino Redentore… la Chiesa non esita ad imputare ai cristiani la responsabilità più grave nel supplizio di Gesù” (n. 598).

Nel corso dei secoli si sono sviluppate varie devozioni per sottolineare questo aspetto e suscitare nei fedeli un profondo senso di dolore per il peccato. La Quaresima è un momento per pentirsi e credere al Vangelo, e meditare sulla Passione di Gesù è un modo per risvegliarci dal nostro sonno spirituale e volgerci a Dio.

Ecco tre potenti devozioni che possono aiutare a riguardo, appropriate soprattutto i venerdì di Quaresima.

Inginocchiarsi alle 15.00 per recitare 5 Padre Nostro e 5 Ave Maria

In un consiglio di una chiesa locale tenuto da San Carlo Borromeo, arcivescovo di Milano, venne stabilito che le campane delle chiese dovessero suonare ogni venerdì alle 15.00, per ricordare ai fedeli la Passione di Gesù Cristo a quell’ora. Questa devozione era molto popolare, e Papa Benedetto XIV ha esteso la pratica alla Chiesa universale. Nel 1740 ha dichiarato che tutte le chiese dovevano suonare le proprie campane ogni venerdì alle 15.00, e ha anche invitato i fedeli a inginocchiarsi e a recitare 5 Padre Nostro e 5 Ave Maria in memoria della Passione e dell’agonia di Gesù Cristo, pregando per le intenzioni del Santo Padre e per la conversione dei peccatori.

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni