Ricevi Aleteia tutti i giorni
Solo le storie che vale la pena leggere: leggi la newsletter di Aleteia
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Un millennial inventa una soluzione brillante alla dipendenza dal cellulare

Condividi

È stata usata in 600 scuole e i risultati sono “rivoluzionari”

All’ingresso di un evento o di una scuola, gli utenti mettono il loro telefono in un piccolo “marsupio” di neoprene, che poi viene chiuso a chiave. Possono tenere il telefono e metterlo in borsa o nella tasca. Anche se il cellulare è al sicuro con loro, non possono usarlo finché non viene fisicamente aperto in una postazione apposita – bastano un tavolo e un paio di sedie.

Con la tentazione fuori portata, le persone e gli studenti possono fare quello che dovevano: imparare, guardare un concerto, parlare con gli altri. E gli effetti sono sorprendenti. La preside della San Lorenzo High School della California, Allison Silvestri, ha riferito alla NBC che Yondr è “rivoluzionario”. Non solo gli studenti ora parlano con lei nei corridoi della scuola, ma ha anche il 50% dei casi in meno di richieste di intervento per interruzione delle lezioni. Gli studenti hanno notato un miglioramento nei voti, e un’insegnante ha affermato che i compiti che assegna vengono conclusi 10-15 minuti prima. “Gli studenti interagiscono, parlano tra di loro, leggono, giocano a palla, socializzano – perché non stanno solo a mandarsi messaggi”, ha aggiunto.

Il “marsupio” per cellulari si sta dimostrando popolare anche in altri campi. Agli show di Dave Chappelle o ai concerti di Alicia Keys, gli ospiti mettono via il cellulare e si concentrano sull’evento. Non ci sono braccia alzate per registrare la performance disturbando chi è seduto dietro, e la gente si può godere lo show senza la distrazione del telefono e i messaggi da ricevere o inviare. Come afferma Dugoni, “a che servono tutti quei messaggi, quelle condivisioni e quei ‘Mi piace’?” Come dice il sito web di Yondr, “Stai qui ora”.

Considerando il numero crescente di resoconti che dimostrano i pericoli della dipendenza dal cellulare, Dugoni potrebbe aver trovato la soluzione perfetta a questo problema moderno. Se a scuola comportamento e risultati migliorano, sarebbe ottimo se tutto questo si potesse applicare anche nella vita familiare – tanti genitori si chiederanno come entrare in possesso di questo dispositivo per usarlo durante i pasti. Ma è proprio qui che i genitori devono dare l’esempio. E se fossimo noi i primi a mettere il cellulare in tasca e a lasciarlo lì, almeno fino a quando i bambini non vanno a letto?

[Traduzione dall’inglese a cura di Roberta Sciamplicotti]

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni