Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

Iscriviti alla Newsletter

Per favore, aiutaci a mantenere questo servizio importante. IMPEGNATI ORA
Aleteia

Se volete fare una cosa sola in Quaresima, ricordate la vostra morte

Shutterstock
Condividi

Non prestarvi attenzione non la farà scomparire

Un Salvatore che rende semplicemente la nostra vita più facile è un balsamo e un conforto, ma un Salvatore che ci giudica alla fine della nostra vita e ci salva dalla morte è una figura più intensa. Non è facile integrare Gesù in una vita distratta.

È forse per questo che la pratica spirituale di ricordare la propria morte non è popolare.

Nella cultura contemporanea, apparentemente ci si concentra poco sulla fine della propria vita. Anche per molti fedeli il cristianesimo è diventato una via per una maggiore semplicità, per un maggior conforto. Alcuni non tollerano l’idea che le vie di Dio non siano le nostre (cfr. Isaia 55, 8-9). Rifiutano di arrendere la propria vita – soprattutto le loro opinioni, i loro progetti e i loro desideri – a Dio.

Al giorno d’oggi la gente non sopporta il mistero. Tutto ciò che implica il disagio dell’oscurità non è accolto positivamente. La morte è tra le cose che la società moderna rifiuta. La morte circonda e si infiltra in buona parte della cultura moderna, ma viene affrontata solo di tanto in tanto e se ne parla raramente, e quando questo accade viene spesso minimizzata e ridotta alle realtà materiali.

La morte non è un argomento popolare neanche tra le persone religiose, la cui vita dovrebbe essere protesta verso il cielo (cfr. Filippesi 3, 13). Altri aspetti della fede vengono spesso enfatizzati, mentre la morte è considerata qualcosa da affrontare alla fine dell’esistenza. La morte è uno spettro spaventoso, un paradosso accecante e un abisso che terrorizza. Non stupisce che la gente voglia ignorarla. Ma non prestarle attenzione non la farà scomparire.

I cristiani in particolare sono chiamati a meditare sulla morte – forse la realtà più terrificante dell’esistenza umana –, non perché gli esseri umani abbiano in sé la capacità di vincerla, ma perché abbiamo un Salvatore.

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni

Milioni di lettori in tutto il mondo – compresi migliaia del Medio Oriente – contano su Aleteia per informarsi e cercare ispirazione e contenuti cristiani. Per favore, prendi in considerazione la possibilità di aiutare l'edizione araba con una piccola donazione.