Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

Iscriviti alla Newsletter

Ricevi Aleteia tutti i giorni
Aleteia

Sapete perché gli africani si confessano di più?

Reporter
Condividi

“Credetemi, ho celebrato migliaia di confessioni”

Il sacerdote francescano Josep Maria Massana vive nel convento del santuario di Sant’Antonio da Padova di Barcellona (Spagna), e in passato ha lavorato per molti anni nelle missioni francescane africane – in Burundi, Malawi e Kenya.

In Africa, o almeno nei Paesi in cui ha operato, la gente si confessava più spesso, perché “l’africano è semplice nei suoi ragionamenti”.

E nel mondo sviluppato cosa accade? Perché l’uomo si confessa poco?

“In primo luogo, e come primo passo, le persone hanno paura – forse in modo inconsapevole – di guardarsi. La confessione è come uno specchio che mettiamo davanti a noi per vederci come siamo”.

“Il secondo passo”, dice padre Massana, “è che la confessione la facciamo davanti a Dio, ed Egli ci vede come siamo ed effonde tutto il suo amore, la sua tenerezza, la sua misericordia nel sacramento della Penitenza. Il secondo passo è più facile del primo. Dio ti dice: ‘Vieni, vieni come sei, non mi importa, ti voglio bene e ti ho voluto’”.

Secondo il sacerdote c’è anche un altro motivo: “i sacerdoti non sono sempre disponibili, e questo si risolve stabilendo orari chiari e precisi nelle parrocchie per le confessioni”.

Se le persone sapessero quando possono andare a confessarsi, più gente andrebbe a ricevere il sacramento. “Il sacerdote dev’essere disponibile, perché è difficile che i fedeli vadano a chiedere del sacerdote per confessarsi. Per me uno degli aspetti migliori del sacerdozio è confessare. È un apostolato favoloso! È l’apostolato della misericordia!”

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni