Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
lunedì 18 Gennaio |
Santa Margherita d'Ungheria
home iconSpiritualità
line break icon

Sapete perché gli africani si confessano di più?

Reporter

Salvador Aragonés - pubblicato il 14/02/18

“Credetemi, ho celebrato migliaia di confessioni”

Il sacerdote francescano Josep Maria Massana vive nel convento del santuario di Sant’Antonio da Padova di Barcellona (Spagna), e in passato ha lavorato per molti anni nelle missioni francescane africane – in Burundi, Malawi e Kenya.

In Africa, o almeno nei Paesi in cui ha operato, la gente si confessava più spesso, perché “l’africano è semplice nei suoi ragionamenti”.

E nel mondo sviluppato cosa accade? Perché l’uomo si confessa poco?

“In primo luogo, e come primo passo, le persone hanno paura – forse in modo inconsapevole – di guardarsi. La confessione è come uno specchio che mettiamo davanti a noi per vederci come siamo”.

“Il secondo passo”, dice padre Massana, “è che la confessione la facciamo davanti a Dio, ed Egli ci vede come siamo ed effonde tutto il suo amore, la sua tenerezza, la sua misericordia nel sacramento della Penitenza. Il secondo passo è più facile del primo. Dio ti dice: ‘Vieni, vieni come sei, non mi importa, ti voglio bene e ti ho voluto’”.

Secondo il sacerdote c’è anche un altro motivo: “i sacerdoti non sono sempre disponibili, e questo si risolve stabilendo orari chiari e precisi nelle parrocchie per le confessioni”.

Se le persone sapessero quando possono andare a confessarsi, più gente andrebbe a ricevere il sacramento. “Il sacerdote dev’essere disponibile, perché è difficile che i fedeli vadano a chiedere del sacerdote per confessarsi. Per me uno degli aspetti migliori del sacerdozio è confessare. È un apostolato favoloso! È l’apostolato della misericordia!”

  • 1
  • 2
Tags:
confessione
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Semplici scatti
Puoi chiamarle coincidenze ma sono carezze di...
Gelsomino Del Guercio
Etiopia, strage di cristiani nel Tigrai: dife...
SALVE REGINA
José Miguel Carrera
Un Salve Regina come non lo avete mai visto
Silvia Lucchetti
Silvia e Andrea: il nostro matrimonio stava c...
Alessandro Gisotti
Papa: prima di giudicare, guardiamoci allo sp...
FRA BENIGNO ESORCISTA
Chiara Ippolito
Il più commovente caso di liberazione: quando...
COVID
Gelsomino Del Guercio
Il prete: benedivo senza olio i malati gravi,...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni