Aleteia logoAleteia logoAleteia
martedì 05 Marzo |
Aleteia logo
Spiritualità
separateurCreated with Sketch.

Perché non dovreste aspirare a una Quaresima di successo

web3-christ-lent-corn-field-public-domain

PD

padre Robert McTeigue, SJ - pubblicato il 14/02/18

E le guide che vi aiuteranno a vedere cosa volete davvero in questo periodo

Qual è la domanda migliore da fare il Mercoledì delle Ceneri?

A cosa rinuncerai in Quaresima?
Cosa farai per la Quaresima?
Chi è il tuo compagno e la tua guida per la Quaresima?

Scegliere l’opzione 1 o l’opzione 2 farà probabilmente più male che bene se non si sceglie l’opzione 3. Scegliamo San Paolo (2 Corinzi, capitoli 11-12) e la Parabola del Seminatore (Luca 8, 4-15) per programmare una buona Quaresima.

La Quaresima è un periodo di ascesa per le persone note come i “Risoluzionisti”. Nella prima settimana di gennaio, vedete i Risoluzionisti arrivare nelle palestre, persi tra attrezzatura e macchinari, vagamente consapevoli della necessità di tornare in forma, dopo essersi detti a Natale “Stavolta sarà diverso!” I proprietari delle palestre e i personal trainer vi diranno che la maggior parte dei Risoluzionisti non porta avanti l’impegno. L’entusiasmo iniziale viene meno e vanno in palestra sempre più raramente.




Leggi anche:
Una lezione dagli Oscar per il Mercoledì delle Ceneri

Il Mercoledì delle Ceneri, i Risoluzionisti fanno promesse drammatiche di digiuno, penitenza, elemosina, ecc. Ricordano le Quaresime degli anni passati dicendo “Stavola sarà diverso!” E poi… non lo è. La loro motivazione viene meno e le vecchie abitudini riprendono il controllo. Tutto torna come prima per queste povere anime, e la loro gioia pasquale tende ad essere piuttosto smorzata.

C’è un piccolo gruppo, tuttavia, la cui forza di volontà non vacilla. Rinunciare al cioccolato in Quaresima significa niente cioccolato in Quaresima. Un’Ora Santa ogni giorno in Quaresima significa un’Ora Santa ogni giorno in Quaresima. Arriva la Pasqua e queste persone provano un senso di realizzazione… e il problema è questo.

Il problema non è l’ascetismo o più tempo dedicato alla preghiera. Il problema è vedere la Quaresima come un’opportunità per realizzarsi. Che differenza con la saggezza di San Paolo!

Paolo non parla della sua volontà o della sua bontà, ma solo della sua debolezza, proclamando la forza di Dio rivelata attraverso la debolezza paolina. Ci offre una chiave alla Parabola lucana del Seminatore e una guida per la Quaresima.

La parabola illustra l’intenzione di Dio che il seme della sua Parola porti frutto nel terreno della nostra anima. Gesù sa che il contenuto e l’ambiente della nostra anima possono lavorare contro il raccolto abbondante che Dio merita. Il terreno dev’essere ripulito da idoli e vizi; il terreno dell’anima dev’essere protetto dai veleni del mondo.

Le anime malinconiche si disperano leggendo questa parabola all’inizio della Quaresima. “Non posso farcela. Dio dovrà accettare me e la mia Quaresima mediocre”. Altri guardano il proprio calendario quaresimale e gridano entusiasti “Avanti!”




Leggi anche:
In Quaresima recita il Rosario insieme a Papa Francesco

Paolo offrirebbe una correzione a entrambi i gruppi. Ai primi, a quelli che disperano della propria bontà, direbbe “Buon per voi! Siete così vicini! Rinunciate a voi stessi, e così avrete la libertà di confidare in Dio! Riponete tutta la vostra fiducia in Lui!”

Al secondo gruppo, quello sicuro di sé, direbbe: “Non così in fretta! Qualsiasi vittoria che valga la pena di avere appartiene al Signore! La vostra forza umana vi darà una corona caduca; il vostro programma di automiglioramento potrebbe diventare un’abitudine di autovolontà che porta a sentirsi nel giusto – e chi si sente nel giusto non lascia spazio a un salvatore”.

La parabola del seminatore ci mostra che c’è del lavoro da fare. Né la disperazione né la presunzione sono un buon inizio per la Quaresima. Una Quaresima santa richiede molto, e le opportunità sono ancor di più. Una Quaresima santa dovrebbe essere pensata e pianificata, piuttosto che vissuta impulsivamente o con feroce determinazione. Abbiamo la benedizione della Quaresima ogni anno, ricordando che siamo peccatori che hanno bisogno di un Salvatore. Sì, dobbiamo prendere su di noi la nostra croce, ma poi dobbiamo seguire le orme di Gesù, fino al Calvario, e con il Suo aiuto – e solo con il Suo aiuto – possiamo rimanere fedeli fino alla fine, e condividere così con Lui la vittoria che ha guadagnato per noi.

Prepariamoci per la Quaresima imitando San Paolo. Facciamo quello che va fatto – ma solo confessando le nostre debolezze e confidando nell’aiuto divino. Verifichiamo il terreno della nostra anima, trovando le erbacce e le rocce che bloccano il seme della Parola. Poi chiediamo a Dio come rimuoverli, e a quale scopo vuole che li rimuoviamo. Guardiamo l’ambiente della nostra anima, ovvero tutto ciò che ci influenza – nel bene e nel male -, e chiediamo a Dio di mostrarci cosa può essere accolto giustamente nella nostra anima e cosa va invece bandito. Ancora una volta, chiediamogli come farlo, e a quale scopo.

La Quaresima non è un promemoria annuale di speranze crollate, né una possibilità annuale per migliorarsi. È un periodo benedetto, perché dà ai peccatori come noi un’opportunità, con la grazia di Dio, di diventare più conformi al nostro Salvatore.

[Traduzione dall’inglese a cura di Roberta Sciamplicotti]

Tags:
animaquaresimarinunciasan paolosuccesso
Top 10
See More