Ricevi Aleteia tutti i giorni

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Un podcast per imparare tutte le nuove parole coniate dal Papa

POPE Audience
Antoine Mekary | ALETEIA | I.MEDIA
Condividi

Dalla "globalizzazione dell'indifferenza" a "primerear", ecco la lingua di Bergoglio

Podcast che raccontano il nuovo linguaggio coniato da Papa Francesco. Tra neologismi e un significato diverso e più profondo a parole già note: il gergo bergogliano è unico nel suo genere!

Lessico papale” a cura del vaticanista Andrea Tornielli è il titolo della rubrica di podcast, offerta in esclusiva per la piattaforma Audible di Amazon e disponibile soltanto in formato audio-digitale. Insieme a “Lessico papaleˮ La Stampa propone su Audible una serie di interessanti podcast ribattezzati “PodLastˮ.

“Dio-Denaro”

La prima parola analizzata nei podcast è «denaro», tema più volte affrontato dal Papa e criticato nella sua accezione idolatrica – il «dio-denaro» – per il quale si è disposti a sacrificare la persona umana e la sua dignità.

Intorno alla questione denaro si giocano le maggiori accuse rivolte a Papa Bergoglio: «pauperista», «comunista» e persino «leninista» sono le critiche rivolte da chi non sopporta il magistero sociale del Pontefice argentino. Ma nelle parole di Francesco si misurano anche numerose sottigliezze, ad esempio tra il possesso di ricchezze, l’uso che se ne fa e la dipendenza che ne può derivare.

QUI IL PODCAST

“Globalizzazione dell’indifferenza”

Un altro podcast è dedicato alla questione «immigrati», argomento a cuore del Vescovo di Roma che ha iniziato i suoi viaggi con una trasferta improvvisa e fuori programma proprio nell’isola di Lampedusa, dove ha visitato i campi profughi degli immigrati in fuga da guerre e carestie.

Un inizio non programmato ma alquanto significativo del Papa venuto «dall’altra parte del mondo»: una scelta di campo che ha costretto anche la politica a fare i conti in modo diverso con la questione migratoria, richiamando il grande rischio della «globalizzazione dell’indifferenza» di fronte alle morti in mare che hanno trasformato il Mediterraneo in una tomba per migliaia di uomini, donne e bambini (Vatican Insider, 12 febbraio).

QUI IL PODCAST

A questa connotazione nuova e più profonda di parole già note, Bergoglio, in questi anni, ha saputo accostare neologismi, mutuati spesso dal lunfardo, uno slang nato nelle prigioni argentine e diffusosi poi tra il popolo. Ecco alcuni esempi.

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni