Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
giovedì 21 Gennaio |
Sant'Agnese
home iconFor Her
line break icon

Non la volevano, è nata lo stesso. Per la Cassazione i genitori devono essere risarciti

Shutterstock

Paola Belletti - Aleteia Italia - pubblicato il 08/02/18

Il caso di un aborto sbagliato in un ospedale di Alessandria

Con un titolo diverso la frase che segue non ci avrebbe provocato nessun moto interiore, se non forse quello di una solidale soddisfazione:

“Vanno risarciti i danni a entrambi i coniugi (…)” per l’erronea esecuzione di un intervento. Così ha stabilito la terza sezione civile della Cassazione, annullando con rinvio una sentenza della Corte d’appello di Torino”.

Ma l’errore è consistito nel non porre fine alla vita di un feto che, per questo esecrabile motivo, è andato avanti per la sua strada trovandosi a nascere!

E’ nata una bambina, sì. Ora ha diciassette anni. Al 2012 risale la prima richiesta di risarcimento avanzata dal padre che però il tribunale di Alessandria respinse. La madre era già stata indennizzata dall’assicurazione dell’ospedale in base ad un accordo raggiunto in tempi brevi, si direbbe.

Nel pezzo di Repubblica che parla dei fatti, ma è così anche su Avvenire nella edizione cartacea del 6 febbraio, quando si comincia a parlare delle motivazioni che avrebbero mosso i due prima a desiderare un aborto  –  che pareva essere avvenuto spontaneamente e al quale era seguito un raschiamento dell’utero, ed è questo l’intervento fatto male – e poi a chiedere un risarcimento dai danni inflitti dalla nascita di loro figlia, è tutto un rincorrersi di espressioni colloquiali, di vezzeggiativi da chiacchiere tra buoni conoscenti: insomma eravamo già vecchiotti; e un figlio ce l’avevamo già. Era già piuttosto grandicello, non ce la sentivano di avere un altro pargolo.

Mentre invece la figlia, che ha avuto l’ardire di nascere nonostante un intervento chirurgico che aveva lo scopo di ripulire l’utero della sua presenza, ha come sinonimo solo quello di “danno”.

  • 1
  • 2
Tags:
abortoeducazionesentenza cassazione
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
SINDONE 3D
Lucandrea Massaro
L'Uomo della Sindone ricostruito in 3D. I Vangeli raccontano la v...
2
LEANDRO LOREDO
Esteban Pittaro
Morire con un sorriso, seminando santità anche in ospedale
3
PIENIĄDZE ZA MSZĘ
Unione Cristiani Cattolici Razionali
Stipendio dei preti, quanto guadagnano? Quei ...
4
ST JOSEPH,THE WORKER CARPENTER, JESUS,CHILDHOOD OF CHRIST
Philip Kosloski
L'antica preghiera a San Giuseppe che non ha mai fallito
5
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
6
DIAKON
Arcidiocesi di San Paolo
Perché un pezzo di Ostia consacrata viene collocato nel calice?
7
Gelsomino Del Guercio
Il viaggio nell’Aldilà di Gloria Polo: Gesù mi ha mostrato il “Li...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni