Aleteia logoAleteia logoAleteia
domenica 14 Aprile |
Aleteia logo
Stile di vita
separateurCreated with Sketch.

La saggia lezione di un’addetta alle pulizie a un medico malato di cancro

web3-hands-touching-cancer-patient-pain-hospital-bed-shutterstock_509368501-benchawan-suasuk-ai

Benchawan Suasuk - Shutterstock

Orfa Astorga - pubblicato il 07/02/18

La dimensione costitutiva più importante di una persona è quella spirituale

Sono medico oncologo, e nella mia lunga esperienza lavorativa ho sempre creduto che avrei visto la malattia negli altri, ma ho smesso di essere un mero spettatore quando sono diventato un’altra vittima, e anche se nel mio caso è curabile ho sentito chiaramente il tocco della morte.

Per questo ho sentito l’impulso di correggere molti errori nella mia vita di cui ero ben consapevole – rimandando sempre il momento di affrontarli -, soprattutto il fatto di aver trascurato molto la mia famiglia, cosa che cercavo di compensare assicurandole un elevato tenore di vita.

“Domani inizio”, dicevo dentro di me. Un proposito che ho rinnovato per vari giorni senza far nulla al riguardo, finché ho smesso di propormelo perché troppo assorbito dal lavoro.

Poco tempo dopo, nell’ospedale in cui lavoro, stavo assistendo un’anziana che aveva lavorato come addetta alle pulizie della struttura e ora era malata di cancro in fase terminale. All’improvviso mi ha preso le mani tra le sue e mi ha sorpreso dicendomi:

“Dottore, sa che la mia vita non vale nulla? Mi resta poco tempo e respiro appena, consapevole del fatto che pochi anni dopo la mia morte nessuno si ricorderà di me. Sarò forse come un piccolissimo batuffolo di polvere che fluttua nell’immensità di un universo scuro, freddo e sconosciuto”. Mentre parlava mi guardava negli occhi come per affacciarsi alla profondità del mio essere.




Leggi anche:
Il dottor Antony Levatino: da abortista a leader pro-life

Sconcertato, ho pensato che cercasse consolazione, quando improvvisamente il suo volto si è illuminato con un sorriso arguto, e stringendomi dolcemente le mani mi ha detto:

“Dottore, è uno scherzo! Sono la cosa più preziosa che sia mai esistita, la più favolosa e meravigliosa, la più amata e indimenticabile nel cuore di chi mi ha chiamata alla vita temporale e ora mi chiama per tenermi eternamente accanto a Lui”. Mentre le prescrivevo dei potenti analgesici per lenire il suo dolore, mi ha confessato che non era mai stata felice come in quel momento.

Per la prima volta ho ammesso che mi trovavo davanti a un corpo che si stava disfacendo e a uno spirito indistruttibile per la fede che aveva, senza neanche sapere che religione professasse.

Poi ho visto che con le poche forze che le rimanevano camminava tra i letti parlando con gli infermieri, aiutandoli con qualche attenzione, come leggere per loro, raccontare storie, esortarli e confortarli, dimenticando del tutto se stessa.

Era così libera, felice e fiduciosa che mi ha fatto pensare che più della chemioterapia del mio trattamento era della medicina dello spirito che avevo bisogno.

Paradossalmente, durante tutta la mia pratica professionale mi ero concentrato solo sulla salute del corpo, senza considerare la dimensione costitutiva più importante di una persona: quella spirituale.

Io, il medico specialista importante, stavo ricevendo una profonda lezione di vita da un’umile addetta alle pulizie alla quale avevo sempre dato poca importanza e a cui avevo a stento rivolto la parola.

Un giorno le ho raccontato della mia malattia e che avrei voluto essere un po’ come lei, perché dubitavo di saper dare un vero senso al tempo che mi rimaneva, anche dopo la guarigione.

“Può darglielo sicuramente, e molto”, mi ha risposto convinta. “Vedrà, io ho sempre cercato il senso di ciò che facevo a poco a poco ogni giorno, e in questo modo trovo il senso della vita che ancora mi rimane”.

“E trovando un senso alla vita che ancora mi rimane recupero il senso di tutto ciò che ho vissuto, sanando gli errori e aprendo il mio cuore alla speranza”.




Leggi anche:
Medico giapponese vissuto fino a 105 anni condivide 12 segreti per vivere a lungo

Ed è morta con grande pace lasciandomi la sua eredità di saggezza.

Per questo ho capito che ogni momento della vita è meraviglioso perché ciò che è stato fatto resta.

I valori assunti e vissuti non potranno mai perdersi.

Ogni istante nasconde una sfida unica per affondare nel senso dell’esistenza, per realizzare una missione irripetibile. E ogni istante si presenta solo una volta: questa volta!

Così il “domani inizio” è diventato un “ora inizio”, e ho stilato una lista di piccoli propositi concreti per essere una persona migliore, pensando innanzitutto alla famiglia.

Scorro ogni giorno la lista, per vedere cosa ho fatto bene, cosa ho fatto male e in cosa posso migliorare ascoltando, comprendendo, coinvolgendomi e facendo tante altre cose con cui posso aiutare gli altri ad essere migliori.

E di fronte agli errori o alle omissioni ricomincio ogni giorno per migliorare in quell’“a poco a poco”.

In questo modo rafforzo la mia volontà di dare senso alla vita attraverso gli amori, la sofferenza assunta, il lavoro fecondo e la fede in un Dio davanti al quale tutte le testimonianze della vita personale restano custodite nell’abbraccio dell’eternità.

Ho imparato che l’aspetto più bello e prezioso dell’esistenza è la vita semplice e normale di tutti gli esseri che ci circondano, e possiamo migliorarla se viviamo con un cuore accogliente, non con un cuore duro.

Ho poi imparato che anche quando l’esistenza fosse senza senso la vita non perde il suo carattere meraviglioso, perché permette di colmarla o redimerla con un atto di pentimento nel momento presente.

[Traduzione dallo spagnolo a cura di Roberta Sciamplicotti]

Tags:
cancromedico
Top 10
See More