Ricevi Aleteia tutti i giorni

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Cosa mi ha insegnato sul Battesimo il film dei Minions

Condividi

di Mariel Nodado

Nello spirito della spontaneità e del puro divertimento, io e le mie amiche più care abbiamo deciso di visitare il nuovo mondo di Harry Potter tornando in un luogo a noi caro – gli Universal Studios. Siamo andate a Los Angeles e siamo entrate nel mondo dei film. Abbiamo iniziato con Harry Potter, ci siamo godute un pomeriggio con i Simpson e abbiamo sopportato la coda di oltre due ore per il tour degli studios. La giornata stava per finire quando abbiamo deciso di trovare il tempo per l’ultima cosa che figurava sulla lista – Despicable Me Minion Mayhem. Mi aspettavo una cosa divertente per concludere in bellezza la nostra giornata di divertimenti, e invece mi sono trovata davanti a una chiamata alla santità che francamente non mi aspettavo.

La premessa del gioco è diventare uno dei Minions di Gru. Si viene ridotti alle dimensioni dei Minions e si parte per una pazza avventura nel “laboratorio del cattivo”. Agnes (la più giovane delle figlie adottive di Gru) sta cercando di dare a Gru un regalo per l’anniversario del giorno in cui l’ha adottata. Quando ho visto Agnes esprimere il suo desiderio e la sua emozione per quel regalo sono rimasta improvvisamente colpita – sono altrettanto emozionata di festeggiare con Dio Padre il giorno in cui mi ha adottata nella Sua famiglia?

Il mio Battesimo

Mentre crescevo non ho mai pensato molto al mio Battesimo. L’unico momento in cui ci pensavo era quando durante la Messa domenicale nella mia parrocchia veniva battezzato un bambino. Solo all’università ho capito di più la bellezza di questo sacramento, e vedendo alcuni festeggiare l’anniversario del loro Battesimo l’ho reso anche per me un giorno importante. Prima, ovviamente, ho dovuto cercare la data del mio Battesimo, perché non la conoscevo…

Nel corso degli anni, il mio Battesimo è diventato sempre più speciale per me, per via del dono di salvezza che porta. Ormai il 20 aprile di ogni anno per me è una festa. È come se dicessi: “Urrà per me perché ho ricevuto il sacramento del Battesimo e ora mi è permesso di entrare in Paradiso!”, o “Urrà per l’intima unione con Gesù che mi ha donato questo sacramento!”

E poi festeggio con tutti i dolci che voglio.

Quello che ha ricordato la piccola Agnes, però, è che il mio Battesimo non riguarda solo me.

Mi ha ricordato che il mio Battesimo non era solo un dono di grazia, un dono di salvezza, ma qualcosa di molto più personale. È il giorno in cui sono stata ADOTTATA nella famiglia di Dio. È il giorno in cui Dio Padre mi ha adottata perché fossi Sua figlia. Sì, c’è bellezza nelle grazie donate attraverso questo sacramento, ma soprattutto è stato il giorno in cui è iniziato il mio rapporto personale con il Signore. Il giorno in cui mi ha reclamato come Sua. Il giorno in cui i miei genitori mi hanno restituita a Lui.

Ho capito che il mio Battesimo non dev’essere una festa solo per me, ma dovrebbe essere celebrato con Colui che mi ha adottata, che ha reso possibile tutto questo. Non riguarda solo le grazie che devo festeggiare, ma il rapporto con Dio! Agnes mi ha ricordato che dovrei accostarmi agli anniversari del mio Battesimo con un senso di gratitudine, come un’opportunità per ringraziare e onorare il Signore che mi ha adottata nella Sua famiglia.

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni