Ricevi Aleteia tutti i giorni
Iscriviti alla newsletter di Aleteia, il meglio dei nostri articoli gratis ogni giorno
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Un consiglio per i cristiani di oggi? Fate come i denti: osate e iniziate a masticare!

Condividi

Nuovo appuntamento con il "dento-teologo". Lo spunto di riflessione questa volta è l'audacia dei denti: imitiamoli. Loro erompono in bocca e iniziano a masticare prima che le radici siano completamente mature

di Giovanni Biolo

Sapete come crescono i denti? Prima si forma la corona, la parte visibile, e successivamente matura la radice. Quando un dente appare in bocca, la sua radice è appena abbozzata e impiegherà ancora due o tre anni prima di formarsi del tutto. Ma nonostante la radice sia ancora immatura, il dente erompe in bocca e inizia a masticare.

I denti, magari, preferirebbero restare al sicuro, circondati dalla gengiva, piuttosto che uscire allo scoperto e avere a che fare con carie e torroni… invece non aspettano di possedere tutte le certezze, tutte le capacità e tutte le sicurezze. Arrivati a un certo punto, equipaggiati dello smalto che li difende, prendono la rincorsa e si lanciano nel vuoto della cavità orale.

I denti sono audaci, l’argomento dento-teologico di oggi!

Cosa vuol dire essere audaci? Essere audaci non significa essere degli sprovveduti o degli impru-denti, andare sempre avanti a testa bassa senza riflettere… si rischia di sbattere contro un muro. Bisogna prepararsi al meglio delle proprie capacità, riflettere a mente fredda, prendere una decisione… ma poi via! Un bel salto coraggioso nel vuoto!

Come dice Papa Francesco noi cattolici siamo navi fatte per il mare aperto, non per restare al sicuro attraccate al porto. Certo, potranno esserci tempeste, venti contrari e magari qualche vela verrà strappata, ma una nave è nata per navigare!

Prendi il largo!

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni