Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
martedì 26 Gennaio |
Santi Timoteo e Tito
home iconStile di vita
line break icon

I cristiani hanno sempre rinunciato al cioccolato in Quaresima?

Amelia Wells | CC BY 2.0

Philip Kosloski - pubblicato il 02/02/18

La maggior parte delle regole del digiuno è cambiata costantemente nel corso dei secoli.

La Chiesa di rito romano negli Stati Uniti stabilisce attualmente il digiuno e l’astinenza il Mercoledì delle Ceneri, il Venerdì Santo e tutti i venerdì di Quaresima. Ogni altro “sacrificio” che si assume individualmente è una scelta personale. Non ci sono pene per il fatto di non compiere un sacrificio del genere, anche se la Chiesa raccomanda caldamente di praticare la penitenza.




Leggi anche:
Il cioccolato diventerà un alimento raro?

Il Direttorio su Pietà Popolare e la Liturgia spiega la ragione dietro questa pratica:

Nonostante la secolarizzazione della società contemporanea, il popolo cristiano avverte chiaramente che durante la Quaresima bisogna orientare gli animi verso le realtà che veramente contano; che si richiede impegno evangelico e coerenza di vita, tradotta in opere buone, in forme di rinuncia a ciò che è superfluo e voluttuario, in manifestazioni di solidarietà con i sofferenti e i bisognosi.

L’aspetto importante dei sacrifici quaresimali è volgere il nostro cuore e la nostra mente a Gesù Cristo. Se c’è qualcosa di ostativo, come il cioccolato, allora la Quaresima è una buona occasione per praticare la negazione di sé.

Un cristiano deve tuttavia discernere con attenzione cos’è che gli impedisce di avere un rapporto intimo con Cristo e di impegnarsi in un sacrificio quaresimale che porti beneficio alla vita spirituale di una persona.




Leggi anche:
Monaci e monache al top con birra e… cioccolato

[Traduzione dall’inglese a cura di Roberta Sciamplicotti]

  • 1
  • 2
Tags:
cioccolatodigiunoquaresimasacrificio
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
CATERINA SCORSONE
Cerith Gardiner
19 personaggi famosi orgogliosi dei propri figli con necessità sp...
2
SINDONE 3D
Lucandrea Massaro
L'Uomo della Sindone ricostruito in 3D. I Vangeli raccontano la v...
3
BABY
Mathilde De Robien
Nomi maschili che portano impresso il sigillo di Dio
4
Perdonare
Bret Thoman, OFS
I 4 passi del perdono secondo un esorcista
5
Silvia Lucchetti
A 18 anni, sola in ospedale: il pianto di un neonato mi ha ridato...
6
Tzachi Lang, Israel Antiquities Authority
John Burger
Un'iscrizione che riporta “Cristo nato da Maria” ritrovata in un'...
7
WOMAN,OUTSIDE,BORED
Gelsomino Del Guercio
Soffri di accidia? Scoprilo e segui i rimedi di un monaco del IV ...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni