Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Giada Lepore: quando fede e musica illuminano la cecità

GIADA LEPORE
Condividi

Giada ha 13 anni ed è completamente cieca. Il suo mito Andrea Bocelli "le ha aperto gli occhi" con una lettera piena di coraggio. Perché il buio può diventare un canto di vita!

Questa somiglianza ha spinto Apollonia a scrivere una lettera al cantante per raccontargli l’esperienza della figlia e ricevere da lui, che vive lo stesso buio, consigli e parole di conforto al suo dolore di madre, al suo senso di impotenza. La risposta non ha tardato ad arrivare e questo ha colpito moltissimo Giada e la mamma che hanno trovato nelle parole dell’artista vicinanza e calore.

L’entusiasmo di Giada: “Quella lettera mi ha aperto gli occhi”

«Quella lettera mi ha aperto gli occhi. (…) Quelle parole mi hanno dato serenità, mi hanno fatto capire che si può essere felici, realizzati e amati anche se diversi. Prima avevo paura di non avere amici, che nessuno potesse accettarmi o volermi bene perché non ho la vista, ma non è così. Come Bocelli anche io amo la musica e il canto e spero da grande di riuscire a trasformare la mia passione in un lavoro».

Le parole di Giada sono piene di speranza, ironia, verità. Dal suo pensiero emerge una grande voglia di vivere, amare, capire e ovviamente cantare! Perché il dolore può diventare musica di vita, inno alla bellezza, e lei lo sa.

Lo ha già sperimentato attraverso lo spettacolo “L’altro di me” curato dai coreografi Enzo Mercurio e Paola Ievolella andato in scena al teatro Massimo di Benevento e organizzato da Apollonia e i genitori dei bambini con disabilità del comitato “Insieme per”. Un mix di musica, danza, canto e recitazione per far fruttare i talenti oltre la disabilità e sostenere le ingenti spese delle terapie riabilitative, che dovrebbero essere garantite dal sistema sanitario regionale campano ma che vengono purtroppo spesso sospese per mancanza di fondi.

Far divertire i ragazzi e far emergere le loro capacità

«Ho pensato che la fede in Dio dovesse essere anche occasione per integrare i giovani con disabilità nella società, per creare una dimensione di amicizia e solidarietà, partendo dalla musica, dalla danza e dalla recitazione» (Famiglia Cristiana).

Apollonia non molla! Pensa a sua figlia e a tutti i ragazzi beneventani come lei che affrontano situazioni complicate a causa della disabilità. Non vuole che questo tolga loro la speranza, la gioia di mettersi in gioco, di divertirsi! La sua sensibilità è maturata negli anni ed è sbocciata grazie alla fede:

«Fin da piccola sono stata provata da sofferenze morali e fisiche, a causa dei miei numerosi problemi di salute, che per un periodo mi hanno costretto su una sedia a rotelle, mi hanno imposto diverse operazioni chirurgiche e periodi in ospedale. Nella sofferenza è germogliata la mia fede. Ho sentito Dio vicino, come padre e come madre, e ho capito che non era arrivato il mio tempo. Dio mi stava chiedendo qualcosa attraverso quelle “prove”. Io ho interpretato la sua richiesta come la volontà di farmi aprire agli altri, di non chiudermi nel mio dolore ma renderlo luce per quanti avessi incontrato sul mio cammino» (Famiglia Cristiana).

La testimonianza di Giada e Apollonia ci conferma che quando si accetta il dolore e lo si offre, il Signore lo usa per compiere meraviglie!

 

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.