Ricevi Aleteia tutti i giorni
Le notizie che non leggi altrove le trovi qui: inscriviti alla newsletter di Aleteia!
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

5 dritte per smettere di essere esauriti a lavoro

Shutterstock
Condividi
La chiave per il trattamento efficace della sindrome di burnout è individuarlo nelle sue prime fasi, per cui prima si lavorerà sul problema dopo averlo identificato, prima si sarà in grado di tenerlo sotto controllo.

Ovviamente l’iniziativa relativamente al trattamento può provenire sia dal lavoratore che dall’impresa o istituzione per la quale lavora, per cui è importante che ci sia una buona comunicazione tra le parti e che si stabiliscano i meccanismi necessari per individuare questo tipo di casi fin nelle prime fasi, senza dimenticare che il miglior criterio per trattare questo tipo di sindromi è eliminarlo andando alle cause di fondo, senza limitarsi al miglioramento dei sintomi negativi prodotti da queste cause.

La maggior parte delle cause è collegata alla cattiva organizzazione interna da parte dell’impresa e soprattutto ai modelli non corretti da parte dell’organizzazione in relazione ai collaboratori.

In sintesi, si tratta di problemi sia di contenuto (lavoro eccessivo, disorganizzazione…) che di forma (modo di comunicare con le persone). Chiarito questo, possiamo vedere alcuni punti efficaci per trattare i sintomi esteriori del burnout.

Shutterstock

1. Tecniche di rilassamento

In primo luogo, le tecniche di rilassamento come le meditazioni guidate o l’ascolto di musica rilassante hanno dimostrato ampiamente la propria efficacia per ridurre l’ansia e migliorare il modo in cui i lavoratori affrontano la sindrome di burnout.

Questo tipo di pratiche farà sì che il lavoratore affronti i problemi in modo molto più positivo e produttivo.

Shutterstock-Marcin Balcerzak

2. Stretching

In secondo luogo, non bisogna dimenticare l’aspetto fisico del problema. Lo stress e il burnout tendono a generare tensione muscolare in determinate zone del corpo, come le spalle o il collo, il che a medio e lungo termine può portare alla comparsa di contratture muscolari, ernie del disco e altri tipi di lesioni, aggravando la situazione.

Per questo è importante svolgere determinati stiramenti ed esercizi antistress come parte della routine quotidiana (e se possibile anche della routine lavorativa).

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.