Aleteia
mercoledì 21 Ottobre |
San Gaspare del Bufalo
Chiesa

L’icona che Papa Francesco prega mattina e sera

THEOTOKOS VLADIMIR

Domaine Public

Isabelle Cousturie - pubblicato il 30/01/18

Un’icona di Nostra Signora della Tenerezza, offerta dalla Chiesa d’Ucraina all’epoca in cui Bergoglio era arcivescovo di Buenos Aires, ha trovato degna collocazione nella sua camera a Santa Marta, in Vaticano.

Domenica scorsa, il 28 gennaio, Papa Francesco si è recato nella basilica di Santa Sofia a Roma, su invito dell’arcivescovo maggiore di Kiev e di Galizia, Sviatoslav Schevchuk, primate della Chiesa greco-cattolica di Ucraina. I due uomini si conoscono da molto tempo. Diversi anni fa, tra l’altro, mons. Schevchuk ha offerto a Jorge Mario Bergoglio un’icona della “Vergine della tenerezza”, quando era arcivescovo di Buenos Aires. L’icona di Nostra Signora della tenerezza, di cui si trovano più varianti, è una delle icone più venerate al mondo. Con la sua mano sinistra il Bambino Gesù sfiora teneramente il mento della Madre. La Vergine Maria, da parte sua, sostiene il Bambino Gesù con la mano sinistra, mentre con la destra – delicatamente posata sulla spalla destra del Bambino Gesù – lo stringe a sé come per proteggerlo.

Davanti alla comunità ucraina il Santo Padre s’è lasciato andare ad alcune confidenze sulla sua vita privata e sulla sua relazione con la Vergine della tenerezza:

Ogni sera, prima di coricarmi, mando un bacio alla Madonna della tenerezza che mi ha regalato il vostro Arcivescovo, e pure la mattina la saluto. Quindi si può dire che comincio e termino la giornata in ucraino!

Su quest’icona i volti ravvicinati della Vergine Maria e del Bambino Gesù sprigionano una dolcezza e un affetto infiniti. A questa “Madre della tenerezza” Papa Francesco affida volentieri le persone sofferenti, provate dalla vita. Buoni ultimi, l’ha fatto recentemente anche per i malati e per quanti si prendono cura di loro, per le famiglie e per i preti impegnati pressi di loro.

Teotoco de Vladimir
CC

Un ricordo d’infanzia

La sua icona della Vergine della tenerezza è passata dalla camera di Buenos Aires a quella di Santa Marta in Vaticano – ha confidato. Fa parte degli oggetti “essenziali” che ha voluto farsi mandare dopo la sua elezione. Come ha pure voluto raccontare la genesi di questa affezione particolare per la Vergine della tenerezza e per la Chiesa in Ucraina. Quando non aveva che 12 anni, Jorge Mario Bergoglio serviva come chierichetto alla messa di mons. Stefan Czmil (1914-1978), all’epoca in cui il salesiano era missionario in Argentina, negli anni ’50. E il Papa s’è tuffato nei ricordi:

Fu una persona che mi fece tanto bene. Ero giovane, appena dodici anni, assistevo alla sua messa. Un momento indimenticabile! Mi ha insegnato a servire messa, a leggere il vostro alfabeto… Servendo la messa tre volte a settimana ho imparato la bellezza della vostra liturgia. Ho imparato anche le prove che la vostra fede ha dovuto sostenere – una fede cresciuta in mezzo alle terribili persecuzioni atee del secolo scorso…

ha accennato chiudendo il discorso. Questo “incontro” orante con gli ucraini è diventato per lui un’abitudine.

L’Ucraina è in preda a un conflitto che oppone le forze governative a dei separatisti filorussi: conflitto che ha fatto più di 10mila morti in quattro anni. Il conflitto conosce un rilancio di violenze da qualche mese a questa parte, nel silenzio indifferente della comunità internazionale. Ma Papa Francesco è sempre pronto a ricordarsene. Quando si ritrova davanti a “Nostra Signora della Tenerezza”, ogni mattina e ogni sera nella sua stanza, e le manda un bacio in preghiera, è a tutti gli Ucraini che pensa, e per loro prega intensamente da anni. Anche così il Papa rende visibile attraverso la Madonna la misericordia di Dio, la sua tenerezza per ogni creatura. Al termine dell’incontro, domenica, il Papa e l’Arcivescovo maggiore di Kiev hanno liberato due colombe, in segno di speranza e di pace per quel Paese.

[traduzione dal francese a cura di Giovanni Marcotullio]

Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Tags:
ecumenismoiconepreghiera
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Aleteia
Gli avvisi divertenti che si leggono nelle pa...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
DISNEY, CARTOONS
Annalisa Teggi
Arriva il bollino rosso per Dumbo, gli Aristo...
PADRE PIO
Philip Kosloski
Quando Padre Pio pregava per qualcuno recitav...
Domitille Farret d'Astiès
10 perle spirituali di Carlo Acutis
EUCHARIST
Philip Kosloski
Questa Ostia eucaristica è stata filmata ment...
ARCHANGEL MICHAEL
Gelsomino Del Guercio
La preghiera di protezione contro gli spiriti...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni