Ricevi Aleteia tutti i giorni
Le notizie che non leggi altrove le trovi qui: inscriviti alla newsletter di Aleteia!
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

La testimonianza toccante dell’ex ginnasta che perdona il suo abusatore

Condividi

Rachael Denhollander ha perdonato Larry Nassar offrendo anche una grande dimostrazione di fede

Il Washington Post ha riferito come l’ex ginnasta Rachael Denhollander abbia usato mercoledì scorso la sua testimonianza contro il suo abusatore Larry Nassar come messaggio di grazia e di perdono.

La Denhollander è stata l’ultima vittima a offrire una dichiarazione nel processo in svolgimento in Michigan (Stati Uniti) contro Nassar, ex medico della Nazionale statunitensa di ginnastica. Il giudice Rosemarie Aquilina ha condannato l’imputato fino a 175 anni di carcere per aver abusato delle giovani ginnaste, considerando la condanna a 60 anni ricevuta in precedenza per pedopornografia, come ricorda l’Independent.

Nassar, di 54 anni, è stato riconosciuto colpevole a novembre di sette accuse di abusi sessuali nella Ingham County, e in questi giorni affronterà altre tre accuse nella Eaton County. Quasi 160 donne hanno denunciato il medico, che ha molestato le giovani atlete per vent’anni facendo passare gli abusi per una terapia.

“Mentre venivamo violate sessualmente, Larry veniva sessualmente eccitato dalla nostra umiliazione”, ha confessato la Denhollander, che ha usato parte della sua dichiarazione, durata 36 minuti, per riferirsi alla Bibbia e ha citato anche l’autore cristiano C.S. Lewis.

Leggi anche: La ginnasta Simone Biles cerca l’oro olimpico, ma non perde la Messa

“Nelle nostre prime audizioni hai portato la tua Bibbia nella sala del processo e hai parlato di pregare per il perdono, ed è su questa base che faccio appello a te. Se hai letto la Bibbia che porti, sai che la definizione dell’amore sacrificale è quella di Dio stesso, che ama con tale sacrificio da aver rinunciato a tutto per pagare il prezzo di un peccato che non aveva commesso. Con questa grazia anch’io scelgo di amare in questo modo”, ha affermato la Denhollander.

Nel 2016, la ginnasta è stata la prima ad accusare Nassar di abusi sessuali, avvenuti nel 2000 quando aveva 15 anni e lui era medico sportivo presso la Michigan State University al quale si era rivolta per un problema alla schiena. Sul banco dei testimoni ha parlato a Nassar della descrizione biblica del giudizio finale, “dove tutta l’ira di Dio e il terrore eterno verranno effusi su uomini come te”.

“Se dovessi mai raggiungere il punto di affrontare davvero ciò che hai fatto il senso di colpa sarà schiacciante. Ed è questo che rende il Vangelo di Cristo tanto dolce. Perché estende la grazia, la speranza e la misericordia dove non se ne potrebbe trovare. E sarà lì per te. Prego che tu possa sperimentare il peso schiacciante della colpa per poter un giorno sperimentare il vero pentimento e il vero perdono di Dio, di cui hai bisogno ben più del perdono da parte mia – anche se ti do anche quello”.

Leggi anche: Cosa spinge un sacerdote a compiere abusi sessuali?

In risposta alla sua testimonianza, il giudice Aquilina ha affermato: “Voglio che lei sappia che le sue parole sono quelle giuste – non ha creato solo un caso, ma ha costruito un esercito di sopravvissute di cui lei è un generale a cinque stelle”. “Le sue sorelle sopravvissute ed io la ringraziamo. Lei è la persona più coraggiosa che ho mai avuto nella mia aula di tribunale”.

La Denhollander ha 33 anni ed è madre di tre figli, avvocato e allenatrice. Il New York Times riporta come questa esperienza abbia condizionato profondamente la sua vita, al punto da non avere fiducia neanche nei medici in sala parto, con “una paura che aleggiava su ogni nascita”. Il ricordo di quello che le ha fatto Nassar “ha gettato un’ombra terribile su quella che avrebbe dovuto essere un’occasione di pura gioia”.

[Traduzione dall’inglese a cura di Roberta Sciamplicotti]

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.