Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
lunedì 12 Aprile |
Santa Teresa de los Andes
home iconStile di vita
line break icon

Amore, fiducia, rischio: tre parole chiave per fare crescere tuo figlio adolescente

@DR

Gelsomino Del Guercio - Aleteia Italia - pubblicato il 30/01/18

Prova a leggere questi consigli di Alessandro D'Avenia rivolti ad educatori e genitori

Educare nel modo corretto i giovani d’oggi. I consigli sono dello scrittore Alessandro D’Avenia, molto amato dai teenagers. D’Avenia ogni lunedì tiene la rubrica “Letti da rifare” sul Corriere del Sera.

E’ un modo per iniziare col piede giusto la settimana, attraverso riflessioni e provocazioni sugli argomenti più attuali che riguardano il mondo dei giovani, della cultura, dell’educazione, della scuola, dell’insegnamento.

Perché questo titolo? Perché evoca il richiamo dei genitori al figlio adolescente a cui viene chiesto, per la prima volta, di rifarsi il letto in “autonomia”, senza che sia la mamma o il papà a rifarlo. E’ un po’ l’immagine emblematica del salto in avanti che un ragazzo dovrebbe compiere verso una responsabile maturità.

La maturità e la felicità

La prima riflessione della rubrica (21 gennaio) ha riguardato la maturità degli adolescente. Un pensiero che è un suggerimento per i genitori e un piccolo aiuto per i tanti ragazzi che faticano a confrontarsi seriamente con il mondo di oggi. Scrive D’Avenia:

Maturo è chi riesce a mettersi d’accordo con la vita smettendola di aspettarsi qualcosa da lei, ma accetta coraggiosamente sia lei ad aspettarsi qualcosa da lui, in un sempre più armonico dialogo tra la naturale sete di felicità e gli altrettanto naturali limiti umani con cui ci si scontra nella bellezza incompiuta del cosmo. È bene ripeterselo: la felicità consiste nel difficile abbandono della posizione fetale, in un’apertura esplorativa e generosa del mondo, con tutte le scoperte e ferite che questo comporta.




Leggi anche:
Alessandro D’Avenia: con la bellezza anche un non credente incontra Dio

Le paure dei genitori

D’Avenia prova a muoversi su un terreno scivoloso, nello spazio incerto tra ciò che un genitore attende e ciò che pretende per un ragazzo in formazione, tra la speranza di accompagnarlo e la paura di perderlo, tra ciò che quel ragazzo — inafferrabile come ogni adolescente — ha bisogno di imparare anche se non vuole accettarlo e ciò che, divenuto uomo, ricorderà con gratitudine.

Amare per migliorarsi

In questo spazio un principio è valido per ogni adolescente: l’importanza di amare. E lo scrittore spiega perché:

Le cose per poterle migliorare bisogna prima amarle, e amarle non vuole dire coprirle di un incantesimo menzognero, ma vederne tutta la bellezza e tutta la bruttezza (che spesso è solo temporanea incompiutezza), per magnificare, custodire, far fiorire la prima e curare, migliorare, trasformare la seconda. Solo così l’inconsistente speranza che caratterizza l’adolescente può tradursi in resistente esperienza cioè in identità, non frutto di una sfiancante volontà di godimento o di potenza che trasforma l’io in una prestazione sempre insufficiente.




Leggi anche:
Alessandro D’Avenia, quando il successo arriva scrivendo di Dio

L’amore cambia il mondo!

In questo senso l’amore, «troppo spesso ridotto a melassa democratica e iperprotettiva», è chiamato a diventare, secondo D’Avenia, «riconoscimento del valore presente nelle cose e nelle persone, valore che invita al rischio, all’impegno, alla lotta».

L’amore è infatti il più aristocratico, vigoroso e ardente dei ritrovati umani per cambiare e abitare il mondo: lo sperimento quando vivo l’appello come il momento chiave della giornata scolastica, perché ognuno di quei nomi-volti è più importante di qualsiasi altra cosa io abbia da dire, perché l’educazione è questione di come guardi e solo dopo di cosa dici. È nei nostri occhi, prima che dai libri, che imparano che la loro vita è una premessa e una promessa.

  • 1
  • 2
Tags:
adolescentialessandro d'aveniaeducazione
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
Gelsomino Del Guercio
Le assurde messe in prigione del cardinale Simoni: pensavano foss...
2
CHIARA AMIRANTE
Gelsomino Del Guercio
Chiara Amirante inedita: la cardiopatia, l’omicidio scampat...
3
Archbishop Georg Gänswein
i.Media per Aleteia
Mons. Gänswein: si pensava che Benedetto XVI sarebbe vissuto solo...
4
girl stop in the street
Claudio De Castro
“Vieni a trovarmi”, insisteva Gesù dal tabernacolo
5
Divina Misericórdia
Gelsomino Del Guercio
Il Papa celebra domenica la Divina Misericordia. Ma perchè questa...
6
Gelsomino Del Guercio
Le stigmate di Domenica Galeano, la veggente di Briatico, sono ve...
7
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni