Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
mercoledì 27 Gennaio |
Sant'Angela Merici
home iconFor Her
line break icon

3 dritte per i genitori di un bambino centrato su di sé da una persona che ne sa qualcosa

Shutterstock

padre Michael Rennier - pubblicato il 30/01/18

Usando questi principi, San Giovanni Bosco trasformava orfani indisciplinati in giovani virtuosi

Edie, mia figlia di tre anni, ed io stavamo giocando di recente a Forza Quattro – gioco a cui lei vince sempre perché cambia le regole man mano che andiamo avanti – quando all’improvviso lo ha preso ed è andata via. Le ho chiesto di tornare perché per una volta stavo vincendo e non è giusto bloccare un gioco a metà, ma mi ha spiegato che non aveva intenzione di tornare perché voleva “giocare da sola”. Non provava alcun senso di colpa. Non le è venuto in mente che abbandonandomi mi avrebbe fatto rimanere male. Mi sono messo a ridere. Dopo tutto, l’egoismo inconsapevole è tipico dei bambini piccoli.

Mia moglie ed io abbiamo cinque figli, e ci sono giorni in cui casa nostra diventa una zona di guerra in cui scoppiano risse su chi possiede un certo giocattolo, chi ha rubato cosa a chi e chi è addolorato per il fatto di dover dividere i giochi elettronici con qualcun altro. La mia pazienza di genitore a volte diminuisce parecchio. Con i bambini più piccoli non è molto preoccupante, visto che uno stadio di sviluppo egocentrico è normale, ma spero ardentemente che crescendo cambieranno. Se mi ritroverò con adolescenti o giovani adulti centrati su di sé avrò fallito come genitore?

Quello che mi preoccupa è che non li posso costringere ad essere persone generose e attente. Posso far condividere loro i giochi e punirli quando sono egoisti, ma non potrò far fare loro per sempre quello che voglio. Alla fine cresceranno e faranno le proprie scelte.

San Giovanni Bosco comprende la situazione in cui si trovano i genitori. Essendo stato un sacerdote vissuto nel XIX secolo, tecnicamente non ha avuto figli propri, ma per tutta la sua vita si è dedicato ad essere un padre surrogato per gli orfani. Spesso aveva affidati alle sue cure allo stesso tempo 500 bambini, che preparava per la Prima Comunione, educava, nutriva, ospitava e formava nel lavoro. Prima di arrivare all’orfanotrofio, i ragazzi facevano spesso parte di bande giovanili che vagavano per le strade. Erano concentrati su di sé, perfino violenti. Non sapevano come dare o ricevere amore, e pensavano solo a se stessi. Se non lo facevano morivano di fame.

Nessuno voleva assumersi la responsabilità per loro – nessuno tranne Giovanni Bosco, che vide il loro potenziale e diventando loro padre surrogato e usando una specifica filosofia educativa tirò fuori il meglio di loro. Alla fine, molti dei ragazzi divennero così generosi da diventare sacerdoti e unirsi a don Bosco nel suo operato.

Lo “stile genitoriale” di don Bosco era semplice, e lui stesso lo riassumeva in tre punti: “ragione, religione e amorevolezza”.

  • 1
  • 2
Tags:
don boscoeducazioneegoismo
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
CATERINA SCORSONE
Cerith Gardiner
19 personaggi famosi orgogliosi dei propri figli con necessità sp...
2
SINDONE 3D
Lucandrea Massaro
L'Uomo della Sindone ricostruito in 3D. I Vangeli raccontano la v...
3
BABY
Mathilde De Robien
Nomi maschili che portano impresso il sigillo di Dio
4
Claudia Koll Vieni da me Rai1
Silvia Lucchetti
Claudia Koll: ho pregato tanto per mio figlio malato e ho ricevut...
5
WOMAN,OUTSIDE,BORED
Gelsomino Del Guercio
Soffri di accidia? Scoprilo e segui i rimedi di un monaco del IV ...
6
Silvia Lucchetti
A 18 anni, sola in ospedale: il pianto di un neonato mi ha ridato...
7
Perdonare
Bret Thoman, OFS
I 4 passi del perdono secondo un esorcista
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni