Aleteia
mercoledì 28 Ottobre |
Santi Simone e Giuda
News

Pio XII ha veramente abbandonato gli ebrei?

Aleteia - pubblicato il 27/01/18

– Alla morte di Pio XII, Golda Meir, primo ministro d’Israele, dichiarò all’ONU nel 1958: «Durante i dieci anni del terrore nazista, mentre il nostro popolo soffriva un martirio spaventoso, la voce del Papa si levò per condannare i carnefici ed esprimere solidarietà alle vittime. Noi piangiamo un grande servitore della pace».

– Albert Einstein il 23 dicembre 1940, dirà a Time Magazine: “ Solo la Chiesa ha fatto quadrato sul percorso della campagna di Hitler per la soppressione della verità. Non ho mai avuto in precedenza un interesse particolare per la Chiesa, ma ora sento verso di essa una grande ammirazione, poiché la Chiesa sola ha avuto il coraggio e la perseveranza per difendere la verità intellettuale e la libertà morale. Mi trovo quindi costretto a confessare: ciò che io un tempo disprezzavo, ora io lodo senza riserve”.

– Perché infatti, tutti gli altri sono stati vili o ostili: il grande Mufti di Gerusalemme si spostò a Berlino per far piacere a Hitler ed una legione musulmana combatterà al servizio dei nazisti in Bosnia, al fianco dell’esercito tedesco. Roosevelt, Churchill, De Gaulle, Stalin non fecero mai nessuna dichiarazione in favore degli ebrei. Coloro che combattevano la resistenza facendo saltare i treni che attraversavano l’Europa non tentarono  mai di fermare o di sabotare i convogli dei deportati. Gli Stati Uniti salvarono accogliendoli solo 22.000 ebrei in tutto mentre avrebbero potuto fare molto di più. Alla fine della guerra, le autorità britanniche respinsero gli ebrei usciti dai campi di concentramento che volevano entrare in Palestina.




Leggi anche:
Pio XII: lo “Schindler del Vaticano”

– Il rabbino David Dalin, di New York, ha compiuto nel 2001 un prezioso studio storico che conclude così: «Pio XII non fu il papa di Hitler, ma fu il più vicino agli Ebrei nel momento in cui questa vicinanza era importante […] Il Talmud insegna che “chiunque salva una vita, è considerato dalla Scrittura come se avesse salvato il mondo intero”. Pio XII ha adempiuto questo detto talmudico più di ogni altro leader del secolo XX, quando fu in gioco la sorte dell’ebraismo europeo. Nessun altro papa è stato così largamente apprezzato dagli ebrei, ed essi non si sbagliarono. La loro gratitudine, come pure quella dell’intera generazione di sopravvissuti all’Olocausto, attesta che Pio XII fu genuinamente e profondamente un Giusto fra le Nazioni”.

– Ci sono centinaia di altre testimonianze di questo tipo.

5. Tutti gli storici, compresi gli ebrei, hanno confermato da allora la verità conosciuta fin dalla fine della guerra, e avvalorata dalle innumerevoli testimonianze in favore di Pio XII e di centinaia di documenti. Al contrario, i detrattori di Pio XII non sono riusciti a produrre nessuno documento a suo sfavore.




Leggi anche:
Pio XII e la Shoah: ecco cosa raccontano i documenti dell’Archivio segreto

– Le voci diffamanti su Pio XII sono priva di fondamento e rischiano paradossalmente di rinforzare le tentazioni negazioniste, perché le persone scopriranno la verità presto o tardi, ed il sentimento naturale di collera, molto più forte dell’errore che sarà stata propagato in tutto questo tempo, provocherà inevitabilmente delle rimesse in discussione che potrebbero minare ingiustamente molto altre questioni storiche più gravi.

– È per questo che tra i più attivi difensori dell’eroicità delle virtù di Pio XII figurano numerosi ebrei, (cfr. per esempio il sito “Pave the Way Foundation” di Gary Krupp).

– Gli archivi del Vaticano sono stati aperti fino al 1939 e certe sezioni fino in 1947 come era stato chiesto dai detrattori di Pio XII, ma sembrerebbe che nessuno di loro sia venuto a consultare questi due ultimi anni.

– Continuare a diffondere la leggenda nera nata nel 1963 costituisce una menzogna e una diffamazione. E’ qualcosa che va contro gli interessi degli ebraici, della verità, e della storia.

  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Tags:
ebreiolocaustoshoah
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Camille Dalmas
Il montaggio dietro alla discussa frase del p...
Mirko Testa
Quali lingue parlava Gesù?
PRAYER
Philip Kosloski
Resistete alla “tristezza del diavolo” con qu...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
CARLO ACUTIS, CIAŁO
Gelsomino Del Guercio
Preghiera a Carlo Acutis con richiesta di una...
Catholic Link
7 armi spirituali che ci offrono i santi per ...
ARCHANGEL MICHAEL
Gelsomino Del Guercio
La preghiera di protezione contro gli spiriti...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni