Ricevi Aleteia tutti i giorni
Solo le storie che vale la pena leggere: leggi la newsletter di Aleteia
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Algeria, verso la beatificazione gli “Uomini di Dio”

AFP
Condividi

Papa Francesco ha approvato, il 26 gennaio 2018, il riconoscimento del martirio di mons. Pierre Claverie e di 18 altri religiosi e religiose, tra i quali i monaci di Tibhrine – ha annunciato la Santa Sede oggi, 27 gennaio. I martiri sono morti in Algeria tra il 1994 e il 1996, nel corso della guerra civile. Questo riconoscimento apre la via alla loro beatificazione.

I 19 martiri sono stati uccisi tra il 1994 e il 1996 nel corso della guerra civile, che aveva visto contrapporsi il governo algerino e delle truppe islamiste. Gli ordini religiosi avevano allora richiamato i loro membri europei residenti nel Paese, perché partissero. Alcuni si sono vivamente opposti, rifiutando di abbandonare gli Algerino, e hanno finito per donare lì la loro vita.

Leggi anche: Lo straordinario testamento di un sacerdote che sapeva di diventare martire

Riconoscendo il loro martirio, Papa Francesco ha dichiarato che questi 19 religiosi e religiose sono stati uccisi in odium fidei, in quanto cristiani. Una decisione importante perché – come notava mons. Paul Desfarges, attuale Vescovo di Algeri – «essi non sono morti per il fatto che, a ciò forzati, avevano rifiutato di rinunciare alla fede». La nuova via di beatificazione – la libera accettazione di una «morte certa nel breve periodo» per carità verso gli altri – era già stata evocata per questa causa.

Leggi anche: Giovanni Scifoni e il Testamento di frere Christian de Chergè

I primi due fra questi martiri sono il frate marista Henri Vergès e suor Paul-Hélène Saint-Raymond, delle Piccole Sorelle dell’Assunzione, assassinati l’8 maggio 1994 ad Algeri. Sei mesi più tardi, il 23 ottobre 1994, due altre religiose sono state assassinate: le spagnole suor Esther Paniagua Alonso e suor Caridad Alvarez Martín, agostiniane missionarie.

Leggi anche: Monaci di Tibhirine: Algeri non vuole la verità

Il 27 dicembre del medesimo anno quattro Padri bianchi – tre francesi e un belga – sono stati assassinati a Tizi Ouzou: padre Jean Chevillard, padre Alain Dieulangard, padre Christian Chessel e padre Charles Deckers. Sono stati seguiti, il 3 settembre 1995, da due suore missionarie di Nostra Signora degli Apostoli: suor Angèle-Marie Littlejohn e suor Bibiane Leclercq. Il 10 novembre è stato il turno di suor Odette Prévost, delle piccole suore del Sacro Cuore.

Il 21 maggio 1996 sette monaci cistercensi dell’abbazia di Notre Dame de l’Atlas, a Tibhrine, sono stati assassinati: il priore, frate Christian de Chergé, frate Lui Dochier, frate Christophe Lebreton, frate Michel Fleury, frate Bruno Lemarchand, frate Célestin Ringeard e frate Paul Favre-Miville.

Qualche mese dopo, il 1mo agosto 1996, morì l’ultimo di questi martiri d’Algeria – il solo Vescovo –: mons. Pierre Claverie, domenicano e ordinario di Oran.

Di questi 19 martiri, 16 sono quindi francesi, due spagnoli e uno belga.

[traduzione dal francese a cura di Giovanni Marcotullio]

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni