Aleteia logoAleteia logoAleteia
mercoledì 28 Febbraio |
Aleteia logo
For Her
separateurCreated with Sketch.

Tempo di saldi! Ecco come goderseli al meglio evitando sperperi di tempo e denaro

shutterstock_554237974

Shutterstock

MY FAVOURITE THINGS - pubblicato il 24/01/18

5 semplici consigli per sessioni di shopping intelligente e proficuo
di Lucia Ciccotti

1) Fissare un budget

E’ fondamentale prima di iniziare. Vietato entrare in negozi a caso se non sappiamo esattamente di quale cifra possiamo disporre.




Leggi anche:
I 10 mai più senza per un make-up a portata di borsa

2) Domandarsi di che cosa abbiamo realmente bisogno

Farsi questa domanda ci permette di stilare una lista di capi che nel nostro guardaroba sono assenti oppure vanno rinnovati sia per eccessivo consumo, sia perché non ci vanno più bene (l’età, ahimè, sulle taglie gioca degli scherzi davvero terribili! ).

Attenzione: non è una lista dei desideri, ma una lista dei bisogni. La lista dei desideri potremo compilarla una volta che avremo terminato la prima, se avanza qualcosina nelle tasche!




Leggi anche:
Ma i saldi sono già cominciati?

3) Resistere alla tentazione di comprare un capo solo perché è in offerta

Questo direi che è un punto cruciale. Da qui nascono fior di errori che tutte (io per prima) abbiamo fatto nella nostra vita. Ci proviamo qualcosa di particolare, che ci sta pure bene, magari anche di un brand famoso, e decidiamo di acquistarlo perchè ha uno sconto che non tornerà mai più, perchè la commessa ci dice che è l’ultimo e che lo ha venduto a tutte le sue clienti, perchè noi con quel colore ci vediamo benissimo ecc ecc…senza farci l’unica essenziale domanda: ma io quando me lo metto? E soprattutto con cosa lo abbino? Posso affermare con certezza granitica che gli abiti mai indossati presenti nel mio armadio sono stati presi in saldo nel momento di euforia in cui i neuroni reagivano solo all’idea che stavo facendo l’affare del secolo, mentre era qualcosa che alla fine non avrei mai utilizzato. Evitate quindi se

a- Si tratta di abiti che vi stanno bene solo con accessori che non possedete (si poi la cerco la cintura e le scarpe…forse le trovo al mercato…) per cui bisognerebbe aggiungere la spesa anche per quelli e addio sconto.

b- Si tratta di un accessorio particolarissimo abbinabile  solo ad un unico tipo di capi che non avete (esempio le collane fatte a forma di colletto delle camicie piene di pietre grandi e molto brillanti  oppure sneakers cosparse di lustrini quando avete l’armadio pieno di pantaloni tagliati su misura per i tacchi)

c- Si tratta di capi impreziositi con dettagli come piume e lustrini e che li rendono portabili una volta all’anno se va bene oppure per quell’occasione che non si presenterà mai ( ma mio cugino ha detto che forse vuole chiudere il bar e inaugurare una galleria d’arte…)

Se invece oltre all’offerta siete sicure che quel capo verrà sfruttato a dovere allora si può dare via libera alla felicità.

4) Lasciare a casa i mariti e i fidanzati

Esiste una verità immutabile. L’uomo detesta fare spese. Detesta aspettare le nostre indecisioni. Non sopporta la lenta agonia che lo consuma fuori dai camerini quando noi ci catapultiamo dentro con quarantasette capi da provare. Ho visto scene che mi hanno messo una stretta al cuore. Quelli pazienti avevano le ragnatele agli occhi. Quelli meno pazienti chiedevano “Hai finito?” a intervalli regolari di trentasette secondi circa. NO. Non si fa. Lasciateli liberi per un pomeriggio. Sarete felici voi e farete felicissimi loro.




Leggi anche:
Le 6 cose da non fare mai con tuo marito

5) Scegliere un momento della settimana o della giornata tranquillo

Le scene con folle oceaniche che aspettano l’apertura degli store per le svendite delle grandi firme, non creano proprio un buon clima per uno shopping intelligente. Personalmente non amo fare spese con l’ansia da sgombero del camerino, da lotta per la conquista dell’ultimo pezzo o da corsa a ostacoli per ritagliarsi uno spazio adatto alla scelta oculata. E’ bene quindi trovare un momento in cui sappiamo che potremo fare le cose con calma. Non servono giornate intere. Una volta individuati i capi che ci servono, andare e colpire. Bastano un paio d’ore. E un minimo di organizzazione.

Ecco quindi i miei punti principali per godersi pienamente il fare spese! E voi come gestite i vostri acquisti? Quali sono i vostri capisaldi…..per i saldi? Vi va di raccontarmelo? Intanto…buono shopping!

QUI IL LINK ALL’ARTICOLO ORIGINALE

Tags:
moda
Top 10
See More