Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Fratel Biagio “Dio è nei sofferenti, per questo non si vede!” (VIDEO)

Fra Biagio Conte
© Gabriele Camelo | Facebook
Condividi

Durante i 10 giorni di digiuno per "scuotere le coscienze" di Palermo verso la condizione dei senzatetto è stato girato questo commovente video del missionario laico Biagio Conte

Fratel Biagio può sembrare un personaggio bizzarro, ricordo che la prima volta che lessi di lui e ne vidi le foto pensai ad una persona simpatica e sicuramente di buon cuore ma sopra le righe, poi ho capito, col tempo che è tutto tranne che un esaltato. E’ un uomo di Dio. Nel senso pieno. In questo video, che contiene l’intervista a Fra’ Biagio ripresa da Gabriele Camelo di Siamo Noi su Tv2000, si scorge la commozione, la rabbia, la frustrazione e vedendolo lì accasciato povero tra i poveri, come ha scelto di vivere, con la voce rotta e gli occhi lucidi ho davvero pensato al Cristo sofferente in bilico tra l’atto di fede e l’apostasia quando chiede “Padre, perché mi hai abbandonato?”.

Di recente Fratel Biagio aveva iniziato un digiuno di solidarietà con i senza tetto di Palermo che aveva mosso le istituzioni e il neo Presidente della Regione Sicilia, Nello Musumeci, a reagire: “L’appello di Biagio Conte – dichiara Musumeci – richiama le istituzioni alle proprie responsabilità. Come dice l’arcivescovo di Palermo, monsignor Corrado Lorefice, dobbiamo cominciare dagli ultimi, dalle periferie. Nei prossimi giorni incontrerò il missionario per esprimere la vicinanza del governo regionale e concordare possibili e concrete iniziative a sostegno del proprio impegno sociale”. Intanto però le sue condizioni di salute peggiorano:

Il missionario laico di Palermo, che per dieci giorni ha dormito per strada, senza cibo, per risvegliare le coscienze dei cittadini e delle istituzioni verso i poveri e gli ultimi, è dunque tornato a casa. Come si legge sul Giornale di Sicilia in un articolo di Alessandra Turrisi, fratel Biagio non sta bene, il suo corpo accusa gli effetti del lungo periodo di astensione (Giornale di Sicilia, 21 gennaio).

Fratel Biagio sta con gli ultimi, la sua missione è quella della carità e della conversione dei cuori ma qui in questo breve video girato alcuni giorni fa, mentre era in missione e digiuno tra i poveri, in cui dice candidamente “mi sento solo, solo come tanti sono soli in questa società” e ancora “non mi aspettavo dopo tanti anni di operato, trovare ancora una società così deteriorata, così malata!” si sente il peso di una missione tra i duri di cuore, lo scoramento. “Io sempre ho creduto ad un mondo migliore. Perché chi ha non deve aiutare chi non ha?”. Poi ricorda, e la voce si rompe dal pianto, la triste fine di Giuseppe, 57 anni, morto nonostante l’intervento suo e della missione a causa degli stenti “Dopo tanti anni devo ancora vedere, questa società in cui si muore di indifferenza, nel freddo, nell’assenza della casa?”. “Dio è nel sofferente, per questo non si vede!“. Guardate e ascoltate le parole di Fratel Biagio, ne vale la pena…

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.