Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
sabato 31 Luglio |
Sant'Ignazio di Loyola
home iconStorie
line break icon

L’imprenditore con la sindrome di Down che ha creato una compagnia da milioni di dollari

John's Crazy Socks

Cerith Gardiner - pubblicato il 23/01/18

John Cronin e suo padre provano che un cromosoma in più non è un ostacolo per i sogni

Qual è l’ingrediente principale nel mettere su un’attività da milioni di dollari? Se lo chiedete a John Cronin, affetto dalla sindrome di Down, e a suo padre, Mark X. Cronin (non possiamo fare a meno di pensare che la “X” sia in onore del figlio), potrebbero dirvi che si tratta di fare qualcosa che si ama pensando allo stesso tempo agli altri.

In un video recente realizzato dalla BBC, i due hanno parlato del desiderio di John di avviare un’attività insieme al padre dopo il diploma. Come molti padri e figli che si lanciano nel mondo degli affari, si sono seduti a discutere cosa volevano fare. Visto che il divertimento era un punto essenziale, hanno deciso di seguire la passione di John e di creare una linea di calzini online, chiamata John’s Crazy Socks, che offre un assortimento di ben 1.500 modelli.

John, però, voleva aggiungere un altro tocco personale alla sua compagnia. Ogni ordine arriva con un messaggio di ringraziamento e qualche caramella, e se si vive a Long Island si potrebbe rimanere sorpresi vedendosi consegnare i prodotti dall’imprenditore stesso.

La compagnia ha uno staff di 12 persone, incluse 8 con disabilità, e dona il 5% dei profitti alle Paraolimpiadi. John è anche impegnato a creare dei “calzini della consapevolezza” che raccolgano fondi per buone cause. “Stiamo creando la felicità attraverso i calzini”, ha affermato con un grande sorriso.

E non è l’unico uomo d’affari felice. In una parte eccezionalmente dolce di questo video, il padre di John condivide come abbiano bisogno l’uno dell’altro e come non potrebbe gestire la compagnia senza suo figlio. Un John tutto felice dice: “La sindrome di Down non mi trattiene mai”.

[Traduzione dall’inglese a cura di Roberta Sciamplicotti]

Tags:
beneficenzaimpresasindrome di down
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
JENNIFER CHRISTIE
Jeff Christie
Mia moglie è rimasta incinta del suo stupratore – e io ho accolto...
2
Gelsomino Del Guercio
Don Patriciello richiama Fedez che incita all’aborto: i pre...
3
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
4
NEWBORN, GIRL
Annalisa Teggi
Genova: neonata lasciata nella culla per la vita. Affidata, non a...
5
BENEDYKT XVI O KAPŁAŃSTWIE
Gelsomino Del Guercio
Nella Chiesa “separare i fedeli dagli infedeli”. La stoccata di B...
6
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
7
POPE JOHN PAUL II
Philip Kosloski
I consigli di san Giovanni Paolo II per pregare
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni