Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Al via in Francia gli “Stati Generali della Bioetica”. Cosa aspettarsi

FRENCH ASSEMBLY
BERTRAND GUAY - AFP
This picture shows a general view of the French National Assembly during a session of questions to the government on December 6, 2017, in Paris. / AFP PHOTO / BERTRAND GUAY
Condividi

L’apertura degli Stati Generali della Bioetica, lo scorso giovedì 18 gennaio, segna l’avvio del processo di revisione delle leggi bioetiche, che Oltralpe ha luogo ogni sette anni. Ecco cosa si sa del calendario.

La bioetica è affare che riguarda tutti: esperti, medici, associazioni ma anche (e soprattutto) l’insieme dei cittadini. Come prevede la legislazione francese, la vigente legge sulla bioetica (del 2011) doveva essere oggetto di un nuovo esame d’insieme da parte del Parlamento, entro un tempo massimo di sette anni dalla sua entrata in vigore – insomma entro il 2018. A monte di ogni progetto di riforma «sui problemi etici e sulle questioni sociali sollevate dal progresso della conoscenza nei domini della biologia, della medicina e della salute», la legge prevede che si tenga un dibattito pubblico.

Avvio degli Stati Generali della Bioetica il 18 gennaio

Gli Stati Generali della Bioetica sono dunque ufficialmente partiti giovedì 18 gennaio. Concretamente, sono previsti dei dibattiti pubblici per tutto il corso del primo semestre in tutte le regione di Francia. Tali dibattiti sono previsti dagli spazi etici regionali, i quali dipendono dalle Agenzie Regionali della Salute (ARS). Si tratta della prima fase della preparazione della revisione della legge sulla bioetica. L’obiettivo – teorico – è di permettere a tutti di dibattere largamente sugli orizzonti bioetici. Verrà anche creato un sito internet per raccogliere i pareri della gente.

Qui di seguito, le prime date per partecipare agli incontri:

18/01/2018 Dibattito “Società, PMA, genitorialità” CHU Limoges

20/01/2018 Dibattito “La ricerca sull’embrione” Pays de la Loire

20/01/2018 La ricerca sull’embrione Nantes

24/01/2018 Dibattito sulla GPA Occitanie

30/01/2018 La PMA per tutti/e? Angers

30/01/2018 Quale umano per domani? Strasbourg

03/02/2018 Dibattito “fertilità, progresso, tecniche, etica e società” Côte d’Azur

21/02/2018 La PMA per tutti/e? Nantes

Questionario online Rhône-Alpes

Questionario online Pays de la Loire

Il filtro del CCNE

In primavera – resta da precisare il calendario – i rapporti regionali saranno rimessi al Comitato Consultivo Nazionale di Etica (CCNE), che ne assicurerà la sintesi prima di presentare il proprio rapporto all’Ufficio parlamentare di valutazione delle scelte scientifiche e tecnologiche (OPECST). Composto da 18 deputati e 18 senatori, l’OPESCT ha per missione quella «di informare il Parlamento delle conseguenze delle scelte di carattere scientifico e tecnologico, in particolare al fine di illuminare le sue decisioni». Esso è oggi presieduto da Gérard Longuet, senatore repubblicano. Cédric Villani, deputato della Repubblica per En Marche, premiato con la medaglia Fields nel 2010, ne è il primo vice-presidente.

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.