Ricevi Aleteia tutti i giorni
Solo le storie che vale la pena leggere: leggi la newsletter di Aleteia
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Che fare con le nonne che si credono mamme?

Martin Novak - Shutterstock
Condividi

Un atteggiamento invadente non aiuta nell’educazione dei figli. Come farlo capire a queste nonne senza ferirle?

All’arrivo dei nipoti la maggior parte delle nonne è disposta a cambiare orari e formule di vita per adeguarsi alle necessità del nuovo membro della famiglia, e soprattutto ad aiutare la mamma e il papà, che spesso lavorano fuori casa.

Di fronte a questa situazione tanto frequente, è abituale che la neomamma e il neopapà chiedano ai rispettivi genitori di dar loro una mano. Si parla allora di orari, dell’organizzazione quotidiana, dei fine settimana, di chi si prenderà cura del bambino prima che vada all’asilo, e poi di chi lo andrà a prendere a scuola.

È normale che la nonna (quella materna e quella paterna) si rallegri profondamente per la nascita di un nipotino, che per lei rappresenta l’occasione per offrire la propria esperienza di madre in atti quotidiani come cambiare pannolini e preparare il latte.

La cura del bambino è essenziale, ma attenzione alla nonna che pensa di dover primeggiare perché la mamma è una novellina o perché pensa di fare le cose meglio di lei!

La nonna deve tener conto di tre concetti fondamentali perché tutto funzioni a dovere:

Leggi anche: Il ruolo dei nonni è fondamentale ma non può sostituire quello dei genitori

  1. Non è più la mamma ma la nonna, e quindi sono i genitori del bambino a dover prendere le decisioni. Il ciclo della vita è questo.
  2. Sono trascorsi degli anni (almeno 15) da quando è diventata mamma, e quindi dev’essere disposta ad accettare che le cose siano cambiate. Ciò vuol dire che negli aspetti meccanici e soprattutto in quelli materiali può esserci stata un’evoluzione a livello di prodotti, servizi, conoscenze di pediatria…
  3. Non c’è un unico modo per crescere ed educare i bambini. Ci sono tante formule quante sono le persone. Al di sopra di tutto, bisogna rispettare la libertà dei genitori.
FamVeld / Shutterstock

Alcune nonne possono scontrarsi con la figlia (o la nuora) sul modo di affrontare le tante vicissitudini che comporta la nascita di un bambino.

Può succedere poi che anche se la mamma è esperta le nonne decidano che nelle ore che trascorrono con il bambino sono libere di fare ciò che vogliono, come se il piccolo fosse di loro proprietà, e qui si annida il pericolo.

Se si presenta questa situazione e la nonna è invadente, se eccede nelle decisioni e fa quello che spetterebbe solo ai genitori, bisogna agire con delicatezza ma anche con decisione, parlandone con lei in modo chiaro ovviamente senza ferirla.

  1. In primo luogo, è importante ringraziarla per il suo aiuto e per le forze, l’affetto e il tempo che offre ai bambini. Ricordiamo che ha una certa età, e valutiamo se quello che le si chiede può andare oltre le sue possibilità.
  2. I genitori devono stabilire dei meccanismi di dialogo. Non solo il figlio o la figlia, ma entrambi, perché la nonna deve sottomettersi a entrambi, non dando retta solo al/la proprio/a figlio/a.
  3. Bisogna verificare che ciò che fa la nonna non sia dannoso per la mamma o il papà, ma anziché “punirla” verbalmente bisogna presentarle i fatti e chiederle con che intenzione fa le cose. Ad esempio: “Vediamo che arrivi sempre oltre il limite orario che abbiamo stabilito per il ritorno del bambino a casa, potresti essere puntuale?” Ci si renderà conto che le nonne a volte fanno le cose non per dare fastidio o essere invadenti, ma semplicemente perché hanno un’altra prospettiva e non si rendono conto del danno che possono provocare: “Mi dispiace”, potrebbe dire la nonna, “volevo stare il più possibile con la bambina e non ho pensato che dovevate cenare”.
  4. Bisogna conoscere le circostanze in cui si trova la nonna, tenendo conto del fatto che in un certo periodo può essere più stanca o più sensibile.
  5. Bisogna far sì che il ruolo della nonna venga stabilito prima che le circostanze ci fagocitino. Pianificate la sua collaborazione e correrete meno rischi di verificare che la nonna ha invaso un territorio che non le spettava.
  6. Bisogna educare affettivamente i nonni. I genitori non nascono con un libro di istruzioni su come esserlo, e neanche i nonni. Nascono invece con molti talenti, e quindi bisogna orientarli per bene.

Leggi anche: Nonne smart per non perdere di vista i nipoti

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni