Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
martedì 01 Dicembre |
Sant'Andrea
home iconStile di vita
line break icon

Andare a convivere prima del matrimonio: cosa ne pensa la Chiesa

Woman and Man Building

Shutterstock

Claire de Campeau - pubblicato il 22/01/18

In un’epoca in cui la convivenza prima del matrimonio è sempre più frequente, qual è il parere della Chiesa sull’argomento, e per quali ragioni? Che cosa pensare di un “periodo di prova” prima di impegnarsi per la vita?

Poiché la società s’è evoluta tanto rapidamente quanto i costumi, sono numerose le giovani coppie che vanno a convivere prima di impegnarsi – o no… – per la vita. Studi protratti, affitti elevati, paura della solitudine, moltiplicazione delle conquiste amorose e dunque complicazione della scelta da porre… I fattori sono numerosi, per spiegare queste coabitazioni prima del matrimonio. Ma che cosa ne pensa la Chiesa? Che cosa consiglia a riguardo?

Ciò che dice il Catechismo della Chiesa Cattolica

La situazione di concubinato, anche nota come “unione libera”, viene evocata molto chiaramente nel Catechismo della Chiesa Cattolica:

Si dà unione libera quando l’uomo e la donna rifiutano di dare una forma giuridica e pubblica a un legame che implica intimità sessuale.

Ne consegue una definizione precisa dell’espressione “unione libera”, giudicata “fallace”, e delle sue implicazioni:

Che cosa può significare un’unione nella quale le persone non s’impegnano l’una verso l’altra e testimoniano così una mancanza di fiducia – verso l’altro, verso sé stessi o verso l’avvenire? L’espressione copre situazioni differenti: concubinato, rifiuto del matrimonio in quanto tale, incapacità di legarsi con impegni a lunga durata.

Dopo aver definito i termini, il catechismo richiama il punto di vista della Chiesa a questo riguardo, e lo giustifica:

Tutte queste situazioni offendono la dignità del matrimonio; esse distruggono l’idea stessa di famiglia; affievoliscono il senso della fedeltà. Sono contrarie alla legge morale: l’atto sessuale deve aver luogo esclusivamente nel matrimonio; al di fuori di quest’ultimo, esso costituisce sempre un peccato grave ed esclude dalla comunione sacramentale.

Segue una risposta all’obiezione frequente del “diritto a” provare, come la formulano dei cattolici innamorati e che hanno il desiderio, ovvero l’intenzione, di sposarsi più in là:

Quali che siano la fermezza del proposito di quanti s’impegnano in rapporti sessuali prematuri, questi non permettono di assicurare nella sincerità e nella fedeltà la relazione interpersonale di un uomo e di una donna, e specialmente di proteggerli dalle fantasie e dai capricci.

Congregazione per la Dottrina della Fede, Persona humana 7

L’unione carnale non è moralmente legittima se non quando s’è instaurata una comunità di vita definitiva tra l’uomo e la donna. L’amore umano non tollera “la prova”. Esso esige un dono totale e definitivo delle persone tra di loro (cf. Familiaris Consortio 80). L’unione libera viene quindi qualificata «di offesa grave alla dignità del matrimonio».

L’invito di Papa Francesco

Nella sua esortazione apostolica Amoris Lætitia, pubblicata l’8 aprile 2016, Papa Francesco propone una nuova pedagogia destinata alle famiglie. Egli desidera farsi carico delle fragilità umane e non negare la realtà delle nostre essitenze. Il Santo Padre vi ricorda che la Bibbia «abbonda di famiglie, generazioni, storie d’amore e crisi famigliari», e considera che la Parola di Dio non deve rivelarsi

come una sequenza di tesi astratte, ma come una compagna di viaggio, anche per le famiglie che sono in crisi o si sono confrontate con una sofferenza o l’altra, e mostra loro la destinazione del cammino.

Amoris lætitia 22

In seguito alla pubblicazione di questa esortazione apostolica, alcuni media hanno visto in Papa Francesco il Papa progressista che avrebbe fatto «evolvere le disposizioni della Chiesa» e mutare d’avviso a proposito di un grande numero di questioni sociali.

  • 1
  • 2
Tags:
amoris laetitiacatechesifedeltamatrimoniopreparazione
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Aleteia
Foto incredibili di santa Teresa di Lisieux s...
Giovanni Marcotullio
“Kyrie eleison” e non “Signore, pietà”
Jesús V. Picón
Sacerdote con un cancro terminale: perde gli ...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
LOURDES
Il Cattolico
Novena preparatoria all'Immacolata Concezione...
ANGEL
Philip Kosloski
A cosa assomigliano i nostri angeli custodi?
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni