Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Partorire: un’esperienza da vivere in un ambiente sereno

Condividi

Le 4 condizioni per ritornare a un parto naturale che rispetti il tempo e la danza tra corpo della mamma e corpo del bambino

La terza è insegnare alla donna ben prima del parto come rilassare e distendere bene i muscoli che chiudono in basso il bacino, con il respiro di pancia (diaframmatico). Con una visita accurata si possono individuare quelle che hanno un “ipertono” o altre condizioni che meritano subito una fisioterapia con stretching e massaggio per ottimizzare l’elasticità di muscoli e connettivi, così da prevenire problemi importanti nel periodo espulsivo o dover poi ricorrere alla dolorosa episiotomia.

La quarta è critica: durante il travaglio, bisognerebbe offrire a tutte le donne, in tutti gli ospedali, 24 ore su 24, 7 giorni su 7, la possibilità dell’analgesia peridurale, come si fa in Francia (invece che averlo solo su richiesta, solo nei feriali e solo di giorno, e in pochi ospedali, come succede in Italia). La mamma non ha dolore, o quasi, durante il travaglio che può durare anche 20 ore o più, se mamma e piccino, ben monitorati, stanno bene. Con il sacco amniotico integro, che si romperà poi spontaneamente al giusto tempo, e contrazioni a ritmo naturale, il bimbo è protetto dall’acqua che lo avvolge e la testa ha davanti un cuneo elastico d’acqua che “allarga” dolcemente il canale da parto senza trauma per il piccolo. Non a caso se il sacco amniotico si rompe spontaneamente solo nel momento dell’uscita della testa del piccolo, si dice che il bambino “è nato con la camicia”, ossia senza traumi. E sarà più sano, più sereno, più felice.

Infine, un massaggio del perineo e del muscolo elevatore, fatto da un’ostetrica esperta, faciliterà ulteriormente la progressione nel periodo espulsivo, senza tagli e con lacerazioni minime o assenti.

Il parto è un momento di comprensibile ansia, esasperata dal dolore e dalla sensazione di non essere ben seguita. Il marito, una sorella o un’amica, o la mamma, che stanno con la donna durante il travaglio e le tengono la mano possono ridurre enormemente l’ansia, ma anche un senso doloroso e inquietante di solitudine che invece la donna ha se lasciata a se stessa. Tutto diventa più favorevole in un’atmosfera di attenzione, rispetto e gentilezza, doverosa in tutto il personale medico e paramedico. Con queste attenzioni, il parto si svolgerà in modo naturale, dolce e sicuro, come lei desidera.

Per maggiori informazioni e abbonarsi alla rivista “BenEssere”

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.