Ricevi Aleteia tutti i giorni
Solo le storie che vale la pena leggere: leggi la newsletter di Aleteia
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

La gerarchia celeste in immagini

© Wikimedia
Anges musiciens, par Hans Memling, Retable de Santa María la Real de Nájera, 1489, Musée royal des beaux-arts, Anvers (Belgique).
Condividi

Quali, tra serafi e cherubi, sono i più prossimi a Dio? Chi sono le potenze e i principati?

Clicca qui per aprire la galleria fotografica

Giacché nella Bibbia le diverse classi di angeli si trovano citate in maniera sfusa, non vi si riscontra la tassonomia in nove classi gerarchiche*, dalla più prossima a Dio alla più distante dalla luce divina. Per questa si sarebbe dovuto attendere Sant’Ambrogio nel IV secolo, e soprattutto il De cœlesti hierarchia dello pseudo-Dionigi Areopagita, scrittore ecclesiastico vissuto verso l’anno 500, per vederci più chiaro. Fu la sua classificazione quella che sarebbe passata alla posterità, per quanto san Gregorio e Jan Van Ruysbroec vi ci siano ugualmente cimentati e quantunque le Chiese orientali dispongano delle loro proprie tradizioni.

Di conseguenza, se non c’è una tradizione uniforme nella Chiesa, c’è comunque l’idea che

è in un modo gerarchico, graduato e ordinato, che la luce divina viene comunicata agli angeli, dalle prime gerarchie fino alle ultime.

San Tommaso d’Aquino

Cliccate sulla prima immagine per avviare la galleria

* Nota del traduttore: Al lettore non sfuggirà che in questo pezzo abbiamo usato le bizzarre parole “serafo” e “chèrubo” (coi relativi plurali “serafi” e “cherubi”) in luogo dei più comuni “serafino” e “cherubino”. Poiché l’uso che proponiamo, pure ragionevole e autorevole (alcuni vocabolari lo attestano anche oggi), è ormai universalmente disatteso in favore dell’altro, ci sentiamo in dovere di offrirne rapida apologia. La parola “serafino” è la semplice italianizzazione dell’ebraico “שְׂרָפִים” (seraphîm), così come “cherubino” viene dall’ebraico “כְּרוּבִים” (kerûbîm). In entrambi i casi si è derivato un sostantivo singolare a partire da uno plurale (in ebraico suonerebbero rispettivamente “seraph” e “kerub”): al di là di questa stranezza etimologica, la terminazione “-ino” presenta in italiano la controindicazione di caratterizzare diminutivi e vezzeggiativi – cosa inappropriata a creature formidabili dal cui moto dipende, nella cosmologia antica, perfino quello dei cieli. A queste ragioni possiamo aggiungere l’avallo di un’autorità indiscutibile: in Pd XXVIII, 98-99, infatti, Dante (evidentemente avvertito dell’inopportunità di forgiare un nome “puccioso” e “petaloso” per creature eteree e fiammeggianti), scrive: «[…] i cerchi primi / t’hanno mostrato Serafi e Cherùbi». Se ci distanziamo anche dal Poeta nell’accentazione di “chèrubi” non è perché ne sappiamo più di lui, ma perché è il suo accento a essere forzosamente spostato, come talvolta gli toccava fare, per rispettare la metrica dell’endecasillabo.

[traduzione dal francese a cura di Giovanni Marcotullio]

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.