Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
domenica 26 Settembre |
Santi Cosma e Damiano
home iconSpiritualità
line break icon

La gerarchia celeste in immagini

© Wikimedia

Anges musiciens, par Hans Memling, Retable de Santa María la Real de Nájera, 1489, Musée royal des beaux-arts, Anvers (Belgique).

Sébastien Morgan - pubblicato il 17/01/18

Quali, tra serafi e cherubi, sono i più prossimi a Dio? Chi sono le potenze e i principati?

Giacché nella Bibbia le diverse classi di angeli si trovano citate in maniera sfusa, non vi si riscontra la tassonomia in nove classi gerarchiche*, dalla più prossima a Dio alla più distante dalla luce divina. Per questa si sarebbe dovuto attendere Sant’Ambrogio nel IV secolo, e soprattutto il De cœlesti hierarchia dello pseudo-Dionigi Areopagita, scrittore ecclesiastico vissuto verso l’anno 500, per vederci più chiaro. Fu la sua classificazione quella che sarebbe passata alla posterità, per quanto san Gregorio e Jan Van Ruysbroec vi ci siano ugualmente cimentati e quantunque le Chiese orientali dispongano delle loro proprie tradizioni.

Di conseguenza, se non c’è una tradizione uniforme nella Chiesa, c’è comunque l’idea che

è in un modo gerarchico, graduato e ordinato, che la luce divina viene comunicata agli angeli, dalle prime gerarchie fino alle ultime.

San Tommaso d’Aquino

Cliccate sulla prima immagine per avviare la galleria

* Nota del traduttore: Al lettore non sfuggirà che in questo pezzo abbiamo usato le bizzarre parole “serafo” e “chèrubo” (coi relativi plurali “serafi” e “cherubi”) in luogo dei più comuni “serafino” e “cherubino”. Poiché l’uso che proponiamo, pure ragionevole e autorevole (alcuni vocabolari lo attestano anche oggi), è ormai universalmente disatteso in favore dell’altro, ci sentiamo in dovere di offrirne rapida apologia. La parola “serafino” è la semplice italianizzazione dell’ebraico “שְׂרָפִים” (seraphîm), così come “cherubino” viene dall’ebraico “כְּרוּבִים” (kerûbîm). In entrambi i casi si è derivato un sostantivo singolare a partire da uno plurale (in ebraico suonerebbero rispettivamente “seraph” e “kerub”): al di là di questa stranezza etimologica, la terminazione “-ino” presenta in italiano la controindicazione di caratterizzare diminutivi e vezzeggiativi – cosa inappropriata a creature formidabili dal cui moto dipende, nella cosmologia antica, perfino quello dei cieli. A queste ragioni possiamo aggiungere l’avallo di un’autorità indiscutibile: in Pd XXVIII, 98-99, infatti, Dante (evidentemente avvertito dell’inopportunità di forgiare un nome “puccioso” e “petaloso” per creature eteree e fiammeggianti), scrive: «[…] i cerchi primi / t’hanno mostrato Serafi e Cherùbi». Se ci distanziamo anche dal Poeta nell’accentazione di “chèrubi” non è perché ne sappiamo più di lui, ma perché è il suo accento a essere forzosamente spostato, come talvolta gli toccava fare, per rispettare la metrica dell’endecasillabo.

[traduzione dal francese a cura di Giovanni Marcotullio]

Tags:
angeligerarchia
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
POPE JOHN PAUL II
Philip Kosloski
I consigli di san Giovanni Paolo II per pregare
2
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
3
SLEEPING
Cecilia Pigg
7 modi in cui i santi possono aiutarvi a dormire meglio di notte
4
Gelsomino Del Guercio
Scandalo droga e festini gay con il prete: mea culpa del vescovo ...
5
SHEPHERDS
José Miguel Carrera
Il dolore dei genitori per i figli che non vogliono più sapere ni...
6
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
7
POPE AUDIENCE
Gelsomino Del Guercio
Il Papa contro la Chiesa “parallela” in cui si bestemmia l’azione...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni