Ricevi Aleteia tutti i giorni
Solo le storie che vale la pena leggere: leggi la newsletter di Aleteia
Iscriviti!
Aleteia

Come posso controllare meglio la mia ira, la mia ansia, le mie paure?

WOMAN STRESS
Condividi

La ricetta è scavare nei propri pensieri inconsci e “sostituirli”. Un’operazione alla portata di tutti. Vediamo come farla

Ad esempio, potrebbe dire a se stesso: «Il fatto di non superare un esame non significa che io sia un ritardato o una persona inutile. È semplicemente un insuccesso. Molti studenti bocciati agli esami sono arrivati a essere dei buoni professionisti», «Se sono bocciato non mi fa certo piacere, ma non è poi così grave: significa che dovrò studiare daccapo, col vantaggio che la prossima volta mi costerà meno fatica perché ho già fatto una buona parte del lavoro».

Tali pensieri possono far diminuire l’ansia di fronte a un esame, di modo da essere più lucidi e avere più possibilità di superarlo.

Come migliorare le insicurezze sul lavoro

Riguardo al lavoratore insicuro del proprio rendimento, anch’egli deve mettere in discussione i propri pensieri automatici negativi dicendosi per esempio: «Se il mio capo critica il mio lavoro, non è la fine del mondo. Tutti possiamo commettere errori.

Come gestire un carico di lavoro eccessivo

Nel caso dell’impiegato al quale hanno aumentato il carico di lavoro, egli potrà per esempio dire a se stesso: «Data la quantità di lavoro che mi hanno assegnato ora, non posso pretendere di farlo bene come prima e il mio capo questo dovrà capirlo. Farò quello che posso e per il resto gli dirò che è impossibile finire il lavoro. Non si può chiedere a nessuno di fare l’impossibile o pretendere che uno perda il sonno o la salute per lo stipendio, quindi: calma!».

Pensieri da afferrare

I pensieri inconsci che ognuno ha possono essere molto eterogenei e legati a situazioni concrete, diverse per ogni persona; essendo inconsci o semi inconsci non è sempre facile afferrarli.

La persona che soffre di problemi di ansia o di ira si trova quasi permanentemente – o comunque molto di frequente, a seconda della gravità del problema – chiusa nei suoi pensieri. Solamente se li mette in discussione riuscirà a liberarsene.

 

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni