Ricevi Aleteia tutti i giorni
Comincia la tua giornata nel modo migliore: leggi la newsletter di Aleteia
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Nei periodi difficili, siamo sicuri di guardare bene tutta la realtà? L’ottimista è il vero realista

Condividi

Dall'esperimento di Seligman sull'incapacità appresa impariamo come si possa vivere bene anche in momenti poco fortunati

Finalmente qualcuno ha capito la genesi microbiologica delle malattie infettive e abbiamo vinto la guerra.
Le scosse elettriche, la loro imprevedibilità, l’incapacità a prevederle ed evitarle sono la realtà, sostiene il realista.

In realtà, le scosse elettriche, non sono tutta la realtà, sono una parte della realtà, ai cani veniva somministrato ottimo cibo, e l’inserviente che gli somministrava il cibo, gli faceva anche due coccole e l’ambiente in cui si trovavano era molto confortevole.

I cani ottimisti hanno tenuto l’attenzione concentrata su altro, hanno dato per scontato che le scosse fossero una piccola parte, solo una parte della realtà, e che non era detto, essendo solo una piccola parte, che sarebbero sempre state presenti e sempre imprevedibili; nel momento in cui sono diventate prevedibili, se ne sono accorti immediatamente.

I cani pessimisti – loro si sarebbero dichiarati realisti – non si spostavano più quando ricevevano una scossa; quelli ottimisti, si spostavano sempre dall’altra parte del recinto. Non appena le scosse sono diventate prevedibili, le hanno immediatamente evitate.

Ma il punto fondamentale è che, fino a quando non lo sono diventate, cioè tra una scossa e l’altra, essi sono rimasti allegri, calmi e fiduciosi godendosi anche l’ottimo cibo. Gli altri anche dopo, quando le scosse sono diventate prevedibili, non le hanno evitate. Per tutto il periodo dell’esperimento – e purtroppo anche in un lungo periodo successivo – hanno continuato ad essere depressi, a mangiare poco e male ed essere scontrosi e spaventati.

 

QUI IL LINK ALL’ARTICOLO ORIGINALE

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.