Ricevi Aleteia tutti i giorni
Le notizie che non leggi altrove le trovi qui: inscriviti alla newsletter di Aleteia!
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Come l’ordinazione di mio fratello mi ha fatto innamorare di nuovo della fede che ho ereditato

Per gentile concessione di Simone Lorenzo
Condividi

3 momenti del sacramento che rimarranno con me per sempre

2. Vedere i miei genitori abbracciare e baciare mio fratello

Dopo che Luis ha ricevuto la sua dalmatica (la veste del diacono), è andato a salutare i miei genitori. Sono rimasta sorpresa quando mia madre, anziché dargli un abbraccio contenuto, lo ha stretto in un lungo e tenero abbraccio, mentre mio padre gli dava un dolce bacio sulla fronte. È superfluo dire che mi si sono riempiti gli occhi di lacrime.

Per gentile concessione di Simone Lorenzo

Quel momento mi ha fatto vedere che i semi più profondi che abbiamo ricevuto io e i miei fratelli sono stati quelli gettati non dai sacerdoti, ma dai nostri genitori.

Come nella maggior parte delle famiglie cattoliche, mia madre e mio padre ci portavano a Messa ogni domenica e ci hanno insegnato le nostre prime preghiere. E per loro i rituali non erano mai abbastanza. Mia madre ha insistito perché comprendessimo le ragioni dietro la nostra fede e sviluppassimo un rapporto intimo con Dio.

Lei e mio padre ci hanno anche insegnato che la fede va vissuta al di là delle mura della Chiesa e dei rituali. Per loro, la fede autentica doveva spingerci a servire gli altri, soprattutto i più svantaggiati nella società, un messaggio che continuano a insegnarci attraverso il modo in cui vivono ogni giorno.

Il momento in cui mia madre e mio padre hanno abbracciato e baciato mio fratello è stato per me un’icona vivente della fede, dell’amore e del servizio che ho imparato a casa, soprattuto quando, mettendomi nei loro panni, penso al fatto che offrire il proprio figlio maggiore per il sacerdozio non dev’essere stato affatto facile. Ancor di più perché nella cultura asiatica ci si aspetta che il figlio maschio più grande sia come un secondo padre per la famiglia. Al di là di questo, per via della sua vocazione Luis non sarà fisicamente presente a casa, dovrà vivere in povertà e non si potrà contare su di lui per le necessità pratiche della famiglia. Nonostante questi sacrifici, la tenerezza dei miei genitori nei suoi confronti quel giorno ha mostrato che avevano abbracciato completamente la sua vocazione.

In quel momento ho colto un barlume di ciò che intende la Chiesa quando dice che la famiglia è chiamata ad essere una chiesa domestica.

3. Vedere Luis prostrarsi davanti all’altare

In qualsiasi ordinazione, il momento più alto è quello in cui il candidato si prostra davanti all’altare mentre il coro canta la litania dei santi. Ciò che ha reso quel momento ancor più pregnante per me è stato ascoltare l’altro mio fratello cantare la litania. Vedere uno dei miei fratelli prostrato a terra mentre l’altro supplicava i santi di intercedere per lui è stato profondamente toccante.

Per gentile concessione di Simone Lorenzo

L’emozione più forte, tuttavia, è derivata dal capire che attraverso il suo sacrificio molti avrebbero sperimentato Dio in un modo profondo e trasformatore. Quando Luis è entrato in seminario, mi ha detto che stava offrendo la sua vocazione per tanti che ancora anelano a Dio. Quel giorno, vedere tante persone nella folla con la testa inclinata mentre lui giaceva prostrato a terra mi ha fatto cogliere come, per via della sua offerta di vita, molti avrebbero sperimentato l’amore di Dio in un modo tangibile e redentore.

In quel momento ho sentito come se Dio mi sussurrasse al cuore: “Ora vedi quanto è preziosa per me l’offerta di un cuore generoso?”

[Traduzione dall’inglese a cura di Roberta Sciamplicotti]

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni